PONTIFICALE IMMACOLATA, Card.Montenegro: “non può essere solo un certificato di nascita a farci agrigentini

 

Pubblichiamo il testo dell’omelia pronunciata dal Card. Francesco Montenegro, Arcivescovo di Agrigento, in occasione del Solenne Pontificale dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria  (Agrigento, Basilica dell’Immacolata, venerdì 8 dicembre 2017)

 

Oggi la Chiesa ci chiede di ammirare e di sognare. Oggi è il giorno della bellezza. Lo ripeto ogni anno. Ammiriamoquesto grande capolavoro di Dio: lImmacolataE ammirando sogniamo. Perché ciò che Dio ha realizzato in Maria è ciò che desidera per noi. 

Sì, anche noi, come Mariasiamo i Suoi capolavori. 

Ma è possibile? Come?

Maria si sentì dire dall’Angelo"Il Signore è con te". Con queste parole Le viene indicato il Suodestino, la grandezza della Sua missione e il segreto della Sua graziosila presenza di Dio nella sua vita. Queste parole poi sono la dichiarazione damore che Dio fa anche a noi; amorecosì grande, da farsi uomo emettere in comune con noi la Sua vita divina e la Sua felicità.

Allora la bellezza dell’Immacolata è solo da ammirare o è qualcosa di piùDobbiamo desideraretale bellezza è sufficiente contemplarla

La risposta è che senz’altro bisognadesiderarla perché anche a noiDio chiede di viverenella sua grazia edi sentircisuoi familiari. Diceva Paolo VI"La grazia è la più alta bellezza dell'anima". 

La bellezza che Maria ci fa desiderare non ha nulla di artificialeperché ha le sue radici in Dio: cha fatto dono di preziose e grandissime promesse, in modo che diventassimo per mezze di esse partecipi della natura divina (2 Pt 1,4). Dovremmo stupirci – così come ci si meraviglia dinanzi a un’opera d’arte –  al pensiero che Dio donandoci la Sua bellezza -come la luna che riflette la luce del sole-ci ha resile belle vetrine del Suo amoreEcco perché labellezza che ci dona non è legata all’età e non scompare col tempo. Maria infatti è come le nostre mamme. Le sue rughe, nelletà matura, sono state come quelle delle nostre mamme. Le rughe non la fanno brutta, Lei resta sempre bella perché il suo cuore è pieno d’amore.Come quello delle nostre mamme!

L’Immacolata fa pensare. La Chiesa oggi ci presentaMaria nella sua genuinità e libertà, lealtà e obbedienza, fortezza e fedeltà, padronanza di sé e senso di responsabilità, spirito di servizio e totale abbandono a Dio;è la bella novità per un mondo che invece preferisce la superficialità, propone lamediocrità e fa desiderare cose di scarso valore tarate per durare breve tempo

Oggi accettiamo passivamente che altrinelle piazze mediatichepossano tenere i fili denostri sentimenti ed emozionimentre siconsidera Dio un padroneIn talune trasmissioni televisive si esponela propria vita come in una vetrina,senza ricevere o dare rispetto;lamore divienemerce da usa e gettala bellezza si confonde e si fonda sull’apparenza e la si affida al mondo del finto;diventa norma condivisa dalla maggior parte ciò che piace e si è disposti a tutto pur di ottenerlo (comportamenti di tanti adolescenti e giovani vedono gli adulti complici), si cercano affannosamente einsensatamente le cose di quaggiù, riassumibili nell'avere, nel potere e nel piacere,perché sono considerati gli unici beni capaci di rispondere atanti, mafinti, bisogni dell’uomo d’oggi.

Maria, Immacolata perché senza peccato, ma anche perchè ha vissuto una vera amicizia con Dio, ci spinge ad andare contro correntead amare ciò che dura e vale, a preferire l'interiorità e a sentire nostalgia di Dio, fonte di ogni bellezzaCi invita agirare le spalle al male a ciò che è mediocre per amare il bene e ciò che conta davvero

Parlare di bellezza mi fa pensare ad Agrigentodefinita daPindaro la più bella città dei mortali. La immagino questa mia città con le radici piantate in cielo. Per questo la vedo bella.

La chiesa vive la città e vive in essa senza però identificarsi con essaLe è amica e per questo lammira con gli occhi pieni di speranza

Non è però facile parlare di Agrigento ad Agrigento. Quando si tenta di farlola reazione di chi ascolta spesso è il silenzio o il rifiuto.

Come Vescovo ho il dovere di parlare. Mi è stato fatto notare che gli agrigentini si sentono giudicati e colpevolizzati dalle mie parole, ma – credetemi – non intendo essere il giustiziere di questo territorio e dei suoi abitantisemmai sento il pulitodesiderio di pizzicare il loro orgoglio perché insieme ci rendiamo conto che questa città è nostraquesto è il motivo per cui merita di essere amata e vissuta da tutti. Tacere sarebbe più facilee più comodo per me, ma rifiuto di seguire la logica del “chi me lo fa faree fare il gioco dichi preferisce che le cose restino come sono. Ma io non accetto che le cose vadano come devono andare,tanto ormai…’.

Non si può guardare al futuro pronunciando le parole tanto ormai, soprattutto se, come agrigentini, si ha la responsabilità di un nobile passato e di una bellezza che in ogni parte del mondo ci invidiano. Sono belle le pietre antiche con cui è stata costruita Akragas, ma non valgono meno le pietre vive – noi – che formiamol’Agrigento di oggi

Un passato interessante non può non proiettare verso un futuro interessante, ma occorre anche vivere un presente interessante. Ognuno di noi deve sentirsicostruttore non solo abitante di questa città. Il futuro non riesce a piantare le sue radici nella rassegnazione dei più, né può interrarle nel vaso di pochi (coloro che prendono le decisioni)il futuro ha bisogno di terra fertile e di tanta terra

Se ci interessano le scoperte che si vanno facendo nella valle dei templi, perché non siamo altrettanto interessati e preoccupati di lasciare una storia altrettanto ricca a chi verrà dopo di noi? 

Il viaggio della vita si può affrontare solo se si è attrezzati di speranza. Non saranno gli sconfortati borbottii del ‘chi me lo fa fare’, del non sono fatti miei’ a costruire il nuovo. 

La bellezza non si compra al supermercato, ma si costruisceanche se con fatica,oggiinsieme. Non possiamo gloriarci – so di ripetermi– che Agrigento è stata terra di geni, di talenti, di grandi uomini e intanto vedereaddirittura invitare, i nostri giovani ad abbandonare questa terra poi renderci contoche,fuori da questa provincia,sono apprezzati e cercati per le loro capacità! Rubiamo a Pindaro le sue parole e convinti ripetiamooggi Agrigento è la più bella città dei mortali. Abbiamo le carte in regola! Mettiamo passione per la nostra città, continuiamo la splendida storia passata reinventandola. Ce la faremo se non cercheremo solo gli interessi personali odi gruppoma il bene di tutti. L’egoismo imbriglia e soffoca.Chiesa, politica, istituzioni, imprenditoria, volontariato, tutti insieme perciò per un sussulto, non un singhiozzo, di vita nuova, di orgoglio sano, di voglia di nuovo.Ha ragione chi ha detto: “una città è prima di tutto uno stato d’animo”. 

Amiamola questa città! Non puó essere solo uncertificato di nascita a farci agrigentini, ma la convinzionedi trovarci dentro un destino comune per costruire … una storia piena di bellezza. Non dimentichiamolo, il futuro ègià nelle nostre mani ed è già cominciato, ora.

Ciò che dico alla città, lo dico anche alla nostra Chiesa

A noi credenti tocca essere vivi e vivaci per donare a questa terra brio, gioia, speranza, desiderio di ciò che è grande e perciò essere noi iprimi a non accontentarci della mediocrità, delle mezze misure, dei gesti senz’anima. Direbbe il Papa di non essere cristiani da pasticceria. Noi non possiamo dare per scontato Dio,la santitàè il nostroabitoil cielo il nostro destinoe la bellezza ilnostro distintivo. Equipaggiamocifinalmente di audacia, di intraprendenza, di creativitànon accontentiamoci di ciò che facciamo, siamo figli del fuoco e del vento, strumenti dello Spirito santo, protagonistiper fede di una storia nuova. Il Signore in questo impegno ci rasserena dicendociNon abbiate paura (Mt 28,5). Convinciamoci di essere per questa terra“profezia dell’avvenire” (NMI 3) e “portatori di futuro (Benedetto XVI).

L’Immacolata è il modello di chi accetta la proposta, anzi la sfida, dDio di cambiare le cose,Lei accettandola è entrata da protagonista convinta in una storia più grande di lei. Non le è stato facile, ma Dio è stato la sua forzaNoiimitando Maria che dice il suo sì,possiamo sognare e costruire una città bella se sapremo accogliere e vivere la Parola, se riempiremo dello stesso profumo del Pane eucaristico questa terra se porteremo sempre con noi una buona e grande scorta d’amore.

Il mio augurio per questa mia città e per questa mia chiesa oggi è di tanta bellezza anche di tanto coraggio.

 

Versione web de L’Amico del Popolo, settimanale cattolico agrigentino – iscrizione n°32 Tribunale di Agrigento del 14 nov 1955
Sede: via Duomo, 102 – 92100 Agrigento – Tel: 0922/24345 - Partita IVA: 01821530845
customized by LAB24

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori.

Continuando la navigazione su questo sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

 

Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’ utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso espressi in questo documento.

Che cosa sono i cookie?
I cookie sono file di testo che contengono pacchetti di informazioni che vengono memorizzati sul tuo computer o sul tuo dispositivo mobile tutte le volte che visiti un sito online attraverso un browser. Ad ogni successiva visita il browser invia questi cookies al sito web che li ha originati o ad un altro sito. I cookies permettono ai siti di ricordare alcune informazioni per permetterti di navigare online in modo semplice e veloce.

Ci sono due principali tipi di cookie: i cookie di sessione e cookies permanenti. I cookie di sessione vengono eliminati dal computer automaticamente quando chiudi il browser, mentre i cookie permanenti restano memorizzati sul tuo computer a meno che non siano eliminati o raggiungano la loro data di scadenza.

I cookie sul nostro sito
lamicodelpopolo.it, titolare del trattamento, utilizza sul sito i seguenti cookies, con le relative finalità:

  • Session cookie - I cookie di sessione archiviano e recuperano valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l’ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l’utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.
  • Performance cookie - I Performance cookie raccolgono informazioni anonime circa l’utilizzo che si fa del Sito e ci consentono di migliorarne il funzionamento. Ad esempio ci mostrano quali sono le pagine più frequentemente visitate, ci consentono di verificare quali sono gli schemi ricorrenti d’utilizzo del Sito, ci aiutano a comprendere ogni difficoltà che incontri durante l’utilizzo.
  • Analytics cookie - Gli Analytics cookie sono assimilati ai cookie tecnici e sono utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; Inoltre il sito fa uso di cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Come disabilitare i cookie
Nel caso volessi bloccare cookie ti ricordiamo che questo potrebbe avere un impatto negativo sull’usabilità di alcuni siti web. La maggior parte dei browser ti permette di rifiutare/accettare i cookie. Di seguito ti riportiamo alcune informazioni pratiche per disabilitare i cookie sul browser che stai utilizzando.

Internet Explorer 9

  1. Apri la finestra di Internet explorer.
  2. Clicca su “Strumenti”.
  3. Vai su “Sicurezza” e dopo clicca “Cancella cronologia”.
  4. Spunta il box “cookies” e dopo clicca su “cancella”.
  5. Clicca “Sicurezza” on the sulla barra.
  6. Seleziona “Cancella cronologia”.
  7. Seleziona l’opzione per cookie and e dopo clicca su “cancella”.

Internet Explorer 8
In alternativa, la nuova funzione di Internet Explorer 8 InPrivate browsing consente all’utente di navigare in rete senza lasciare tracce dai siti visitati (inclusi i cookie). Per utilizzare la modalità InPrivate:

  1. Clicca “Sicurezza” sulla barra.
  2. Seleziona "InPrivate Browsing".
  3. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  4. Clicca su “Start”, “Run”, ed inserisci inetcpl.cpl e dopo clicca su “OK”.
  5. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  6. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  7. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer 7.x

  1. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  2. Clicca su “Start”, “Run” ed inserisci inetcpl.cpl, e dopo clicca su “OK”.
  3. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  4. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  5. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer (tutte le altre versioni)
Internet Explorer salva i cookies in più luoghi in funzione della versione del browser e dal sistema Microsoft Windows utilizzato. Il miglior modo per trovare e cancellare i cookies è di chiudere Internet Explorer ed utilizzare lo strumento di esplora risorse (ad esempio Windows Explorer) e cercare una cartella che si chiami “cookies”.

Google Chrome

  1. Fai clic sull'icona “impostazioni” in alto a destra del menu.
  2. Seleziona “Impostazioni”. Nella parte inferiore della pagina, fai clic su Mostra impostazioni avanzate.
  3. Nella sezione "Privacy" fai clic su Impostazioni contenuti.
  4. Per disattivare i cookie, seleziona Impedisci ai siti di impostare dati (in alternative puoi rimuovere tutti i cookie creati in un intervallo di tempo specifico selezionandolo dall’elenco a tendina).
  5. Seleziona "Cancella dati di navigazione" per cancellare tutte le tracce dei siti che hai visitato.
  6. Seleziona "Cancella cronologia download” per cancellare l’archivio dei file e dei programmi che avete scaricato.
  7. Selezione “Svuota la cache” per cancellare le pagine dei siti inserite in memoria cache.
  8. Puoi anche cancellare le password salvate (quelle che utilizzi per accedere ai siti) e i dati salvati per compilare form (ad esempio nome e cognome).
  9. Poi clicca sul bottone “Cancella dati di navigazione”.
  10. Clicca sul bottone “Chiudi”.

Mozilla Firefox

  1. Nella parte superiore della finestra di Firefox fare clic sul pulsante Firefox e seleziona “Opzioni” poi vai al pannello “Privacy”.
  2. Nel pannello “Cookies” cliccare su “mostra Cookies”.
  3. Per rimuovere un singolo cookie cliccare sulla singola voce nella lista e dopo cliccare sul bottone rimuovi cookie.
  4. Per rimuovere tutti i cookies cliccare sul bottone Rimuovi tutti i cookie.
  5. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  6. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  7. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  8. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  9. Clicca sul bottone “Cancella”.

Safari 1.0 (MacOS X)

  1. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  2. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  3. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  4. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  5. Clicca sul bottone “Cancella”.