Svimez: il Sud continua a crescere, ma solo nel 2028 tornerà ai livelli pre-crisi

Svimez: il Sud continua a crescere, ma solo nel 2028 tornerà ai livelli pre-crisi

L'economia del Sud continua a crescere. Per due anni consecutivi, dopo una lunga fase recessiva, il suo Pil è cresciuto persino più di quello delle Regioni del Centro-Nord. Crescerà anche quest'anno e nel prossimo, anche se meno che nel resto del Paese. Ma troppo grande è il fossato scavato dalla grande crisi nel nostro Mezzogiorno, che già partiva da posizioni di difficoltà.
A questi ritmi recupererà i livelli pre-crisi nel 2028, dieci anni dopo le Regioni centro-settentrionali.
L'analisi dello Svimez, che oggi ha presentato alcune sostanziose anticipazioni del prossimo rapporto annuale sul 2016, è attenta a cogliere tutti i segnali positivi che pur emergono. Ma non può e non vuole nascondere la domanda che il suo presidente, Adriano Giannola, esprime così: “Queste dinamiche economiche sono compatibili con le dinamiche sociali?”. La risposta è inevitabilmente negativa, purtroppo.

 

Ma vediamo alcuni dati. Nel 2016 il Pil delle Regioni meridionali è aumentato dell'1% contro lo 0,8% del Centro-Nord. Secondo le previsioni dello Svimez quest'anno crescerà anche di più (+1,1%), ma nel frattempo le Regioni centro-settentrionali saranno balzate al +1,4%. Nel 2018 queste ultime avranno un incremento dell'1,2%, mentre il Sud si fermerà al +0,9%.

Intendiamoci, è estremamente importante che l'economia del Sud sia comunque in crescita.

“Non è più la palla al piede del Paese”, sintetizza il vicedirettore dello Svimez, Giuseppe Provenzano. In particolare è importante che nella ripresa del Sud abbia giocato un ruolo decisivo il settore manifatturiero, che nel biennio 2015-2016 è cresciuto cumulativamente di oltre il 7%. Il che dimostra che la crisi non ha minato la capacità produttiva delle Regioni meridionali. Significativa anche la ripresa dei consumi e degli investimenti privati: questi ultimi sono aumentati del 2,9% nel 2016, riuscendo a più che compensare il calo degli investimenti pubblici, che sono scesi al minimo delle serie storiche delle rilevazioni.

Una dinamica per nulla scontata, nel Mezzogiorno.

Bisogna poi distinguere tra Regione e Regione, perché le situazioni sono molto differenziate. Addirittura clamoroso l'exploit della Campania, che nel 2016 è la Regione italiana con la crescita maggiore del Pil: +2,4%. La Basilicata rallenta ma continua a tirare e con il suo +2,1 si colloca tra le prime Regioni a livello nazionale. Anche il Molise conserva un buon ritmo (+1,6%), mentre frena la Puglia rispetto al 2015 (+0,7%). La Calabria cresce dello 0,9%, la Sicilia appena dello 0,3%. La Sardegna rialza la testa con un +0,6%, dopo due anni con il segno “meno”, mentre l'Abruzzo registra un -0,2%. In entrambi i casi, in positivo e in negativo, è l'andamento dell'industria a condizionare il risultato. Questo quadro così polarizzato, se da un lato fa risaltare la presenza di potenzialità enormi, dall'altro mette in evidenza l'incapacità di “fare sistema” al di là dei confini regionali.

Dunque la ripresa c'è, anche nel Mezzogiorno. Ma non solo è troppo lenta per recuperare in tempi ragionevoli un divario socialmente insostenibile. Il problema è che vale per essa quel meccanismo perverso ormai ampiamente evidenziato per la ripresa economica generale: un aumento del Pil non incide automaticamente sull'emergenza sociale e sulle disuguaglianze.

Secondo i dati del 2016, sottolinea lo Svimez, circa 10 meridionali su 100 risultano in condizione di povertà assoluta e nelle Regioni del Sud il rischio di povertà è triplo rispetto al resto del Paese.

 

Anche il dato sull'occupazione, che pure registra 101mila occupati in più nel 2016 rispetto all'anno precedente (ma sempre 380 mila in meno sul 2008, quando pure il lavoro al Sud era già un problema grave), va letto con cautela. Infatti, “l'incremento degli occupati anziani e del part-time contribuisce a determinare una preoccupante ridefinizione della struttura e qualità dell'occupazione”. Aumentano i lavoratori a bassa retribuzione, al punto che non sempre il lavoro mette al riparo dalla povertà. Spicca poi un “dualismo generazionale”, che sul piano dell'occupazione penalizza soprattutto i giovani.

Peraltro il Sud continua a subire un calo demografico superiore a quello del Centro-Nord: nel 2016 le Regioni meridionali hanno perso 62mila unità (e senza l'apporto degli stranieri il dato sarebbe stato ancora più negativo) contro le 14mila di quelle centro-settentrionali.

Sul piano delle terapie, ce n'è una su cui lo Svimez ha puntato particolarmente i riflettori. È contenuta nel primo dei due decreti sul Mezzogiorno varati dal governo e stabilisce che nei programmi di spesa sia destinato al Sud “un volume complessivo di stanziamenti ordinari in conto capitale proporzionale alla popolazione di riferimento”. Allo Svimez l'hanno ribattezzata clausola del 34%, perché tale è la quota di popolazione delle Regioni meridionali. Tanto per avere un'idea, se fosse stata applicata negli anni della crisi, avrebbe dimezzato l'impatto della recessione sul Sud.Stefano De Martis

Versione web de L’Amico del Popolo, settimanale cattolico agrigentino – iscrizione n°32 Tribunale di Agrigento del 14 nov 1955
Sede: via Duomo, 102 – 92100 Agrigento – Tel: 0922/24345 - Partita IVA: 01821530845
customized by LAB24

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori.

Continuando la navigazione su questo sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

 

Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’ utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso espressi in questo documento.

Che cosa sono i cookie?
I cookie sono file di testo che contengono pacchetti di informazioni che vengono memorizzati sul tuo computer o sul tuo dispositivo mobile tutte le volte che visiti un sito online attraverso un browser. Ad ogni successiva visita il browser invia questi cookies al sito web che li ha originati o ad un altro sito. I cookies permettono ai siti di ricordare alcune informazioni per permetterti di navigare online in modo semplice e veloce.

Ci sono due principali tipi di cookie: i cookie di sessione e cookies permanenti. I cookie di sessione vengono eliminati dal computer automaticamente quando chiudi il browser, mentre i cookie permanenti restano memorizzati sul tuo computer a meno che non siano eliminati o raggiungano la loro data di scadenza.

I cookie sul nostro sito
lamicodelpopolo.it, titolare del trattamento, utilizza sul sito i seguenti cookies, con le relative finalità:

  • Session cookie - I cookie di sessione archiviano e recuperano valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l’ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l’utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.
  • Performance cookie - I Performance cookie raccolgono informazioni anonime circa l’utilizzo che si fa del Sito e ci consentono di migliorarne il funzionamento. Ad esempio ci mostrano quali sono le pagine più frequentemente visitate, ci consentono di verificare quali sono gli schemi ricorrenti d’utilizzo del Sito, ci aiutano a comprendere ogni difficoltà che incontri durante l’utilizzo.
  • Analytics cookie - Gli Analytics cookie sono assimilati ai cookie tecnici e sono utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; Inoltre il sito fa uso di cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Come disabilitare i cookie
Nel caso volessi bloccare cookie ti ricordiamo che questo potrebbe avere un impatto negativo sull’usabilità di alcuni siti web. La maggior parte dei browser ti permette di rifiutare/accettare i cookie. Di seguito ti riportiamo alcune informazioni pratiche per disabilitare i cookie sul browser che stai utilizzando.

Internet Explorer 9

  1. Apri la finestra di Internet explorer.
  2. Clicca su “Strumenti”.
  3. Vai su “Sicurezza” e dopo clicca “Cancella cronologia”.
  4. Spunta il box “cookies” e dopo clicca su “cancella”.
  5. Clicca “Sicurezza” on the sulla barra.
  6. Seleziona “Cancella cronologia”.
  7. Seleziona l’opzione per cookie and e dopo clicca su “cancella”.

Internet Explorer 8
In alternativa, la nuova funzione di Internet Explorer 8 InPrivate browsing consente all’utente di navigare in rete senza lasciare tracce dai siti visitati (inclusi i cookie). Per utilizzare la modalità InPrivate:

  1. Clicca “Sicurezza” sulla barra.
  2. Seleziona "InPrivate Browsing".
  3. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  4. Clicca su “Start”, “Run”, ed inserisci inetcpl.cpl e dopo clicca su “OK”.
  5. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  6. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  7. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer 7.x

  1. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  2. Clicca su “Start”, “Run” ed inserisci inetcpl.cpl, e dopo clicca su “OK”.
  3. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  4. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  5. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer (tutte le altre versioni)
Internet Explorer salva i cookies in più luoghi in funzione della versione del browser e dal sistema Microsoft Windows utilizzato. Il miglior modo per trovare e cancellare i cookies è di chiudere Internet Explorer ed utilizzare lo strumento di esplora risorse (ad esempio Windows Explorer) e cercare una cartella che si chiami “cookies”.

Google Chrome

  1. Fai clic sull'icona “impostazioni” in alto a destra del menu.
  2. Seleziona “Impostazioni”. Nella parte inferiore della pagina, fai clic su Mostra impostazioni avanzate.
  3. Nella sezione "Privacy" fai clic su Impostazioni contenuti.
  4. Per disattivare i cookie, seleziona Impedisci ai siti di impostare dati (in alternative puoi rimuovere tutti i cookie creati in un intervallo di tempo specifico selezionandolo dall’elenco a tendina).
  5. Seleziona "Cancella dati di navigazione" per cancellare tutte le tracce dei siti che hai visitato.
  6. Seleziona "Cancella cronologia download” per cancellare l’archivio dei file e dei programmi che avete scaricato.
  7. Selezione “Svuota la cache” per cancellare le pagine dei siti inserite in memoria cache.
  8. Puoi anche cancellare le password salvate (quelle che utilizzi per accedere ai siti) e i dati salvati per compilare form (ad esempio nome e cognome).
  9. Poi clicca sul bottone “Cancella dati di navigazione”.
  10. Clicca sul bottone “Chiudi”.

Mozilla Firefox

  1. Nella parte superiore della finestra di Firefox fare clic sul pulsante Firefox e seleziona “Opzioni” poi vai al pannello “Privacy”.
  2. Nel pannello “Cookies” cliccare su “mostra Cookies”.
  3. Per rimuovere un singolo cookie cliccare sulla singola voce nella lista e dopo cliccare sul bottone rimuovi cookie.
  4. Per rimuovere tutti i cookies cliccare sul bottone Rimuovi tutti i cookie.
  5. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  6. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  7. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  8. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  9. Clicca sul bottone “Cancella”.

Safari 1.0 (MacOS X)

  1. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  2. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  3. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  4. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  5. Clicca sul bottone “Cancella”.