LETTERA APERTA - Caro Nello, caro Gaetano

 

Ecco  il testo della lettera aperta, indirizzata al  presidente della regione siciliana, Nello Musomeci e al suo vice, Gaetano Armao,  a firma del direttore del nostro settimanale, Carmelo Petrone e di Giuseppe Riccobene,  pubblicata sul numero 38/2017 del 19 novembre 2017 del Settimanale cattolico agrigentino "L'Amico del Popolo".

 

Caro Nello, caro Gaetano,

il 5 novembre scorso, i siciliani vi hanno indicati quali presidente e vicepresidente della Regione, attribuendovi grande onore e ponendo a vostro carico responsabilità amministrative altrettanto enormi. 

Con questa lettera aperta non vogliamo soffermarci su un’analisi del voto (e del non voto) che lasciamo ad altri, ma condividere con voi – scusateci lo stile schietto e diretto – due temi che ci stanno particolarmente a cuore.

Nel far questo pensiamo di interpretare i sentimenti di tanti altri cittadini/e della provincia e città di Agrigento.   

È grande la preoccupazione per le sorti del Colle di Agrigentodelle famiglie, delle attività commerciali e delle infrastrutture circostanti e quindi della Cattedrale sul quale sorge, insieme ad altri monumenti di interesse storico artistico (il Seminario, il Collegio dei Santi Agostino e Tommaso, il Palazzo Vescovile, la Biblioteca Lucchesiana, la Chiesa S. Alfonso e i resti del Castello Arabo).  

Negli ultimi quindici anni, il rischio potenziale – di per sé molto elevato – è stato aggravato a dismisura da una somma di fattori esterni gravi e deleteri, che nulla hanno a che fare con la geologia: disattenzione, mediocrità, sciatteria, burocratismo, inefficacia di quegli organismi politico-amministrativi regionali e nazionali che, tuttavia, non hanno mai lesinato tempo per passerelle, foto e interviste in cui si è descritta la soluzione come “a un passo dall’essere raggiunta”. 

Sappiamo tutti com’è andata, quale sia la drammaticità della situazione che non deve più consentire, a nessuno, di perdere un solo minuto di tempo.

Gli studi ci sono, documentati e coerenti, e a questo punto le ipotesi progettuali possono diventare esecutive ed essere realizzate, come in un qualsiasi posto normale. Ecco, a quel punto i cortei di auto blu sulla via Duomo avrebbero finalmente un senso compiuto, perché ognuno capisce – persino noi – che l’uomo politico ha tutto il diritto di rivendicare i propri successi. Sul colle di Agrigento, purtroppo, è avvenuto l’esatto contrario: la serietà non ci ha accompagnato, abbiamo assistito a rivendicazioni di risultati mai conseguiti, neppure da lontano.

E se sulla via Duomo ci si raccoglie in preghiera, temendo per l’incolumità di persone e monumenti, in contrada Calcarelle si sta già celebrando un funerale. Il diritto allo studio, il Polo Universitario, le facoltà di Architettura, Giurisprudenza, Beni Culturali, Archeologia, insieme a tanti anni di impegno di una classe politica e amministrativa che un quarto di secolo fa, funzionando all’unisono, riuscì a creare un vero e proprio gioiello, oggi non esistono più. Sono stati smantellati, pezzo per pezzo, secondo un disegno o, come si suole dire, secondo un non-disegno: chi non è tenero sostiene che si è affidata un’auto bella, nuova e potente, a chi non ha saputo guidarla. Un Polo Universitario che era e forse potrebbe essere ancora ricchezza – sia sul piano culturale, sia su quello socio-economico – per una comunità che è stata sin troppo marginalizzata sotto tali punti di vista, oggi è il fantasma di se stesso. 

L’università agrigentina rappresenta (e potrebbe ancora rappresentare) riscatto sociale, qualità della vita, aspirazione a produrre qualcosa di buono senza necessariamente andare via dalla propria terra, come purtroppo sempre più accade in una comunità che, giorno per giorno, sta perdendo tanti suoi figli e figlie, forse quelli migliori. Senza dimenticare chi non ha avuto e non avrebbe le risorse economiche per andare a studiare fuori. Le più recenti “scelte” in materia di università hanno tranciato le gambe agli ultimi. Danni collaterali del non-disegno? 

Cari Nello e Gaetano, salvate la Cattedrale, o almeno provateci seriamente, approvando nei primi cento giorni tempi e finanziamenti certi per i progetti di messa in sicurezza definitiva del colle e delle fabbriche. E salvate anche l’Università, favorendo la rimessa a regime di tutte le facoltà sospese da UniPa per mancanza di fondi, ma soprattutto di programmazione seria e di vero dialogo.

Mettete da parte – non per cento giorni, ma per almeno quattro anni – i toni da campagna elettorale, rimboccatevi le maniche.

Assumetevi oneri e onori delle vostre posizioni e delle vostre decisioni, ma non restate immobili di fronte ai disastri annunciati.

E poi, se volete, tornate qui, tra uno o tra cinque anni, a raccontarci cos’avete fatto, non cosa starete per fare.

Vi ringraziamo dell’attenzione. Cordiali saluti e buon lavoro.  

Carmelo Petrone e Giuseppe Riccobene

 

 

Versione web de L’Amico del Popolo, settimanale cattolico agrigentino – iscrizione n°32 Tribunale di Agrigento del 14 nov 1955
Sede: via Duomo, 102 – 92100 Agrigento – Tel: 0922/24345 - Partita IVA: 01821530845
customized by LAB24

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori.

Continuando la navigazione su questo sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

 

Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’ utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso espressi in questo documento.

Che cosa sono i cookie?
I cookie sono file di testo che contengono pacchetti di informazioni che vengono memorizzati sul tuo computer o sul tuo dispositivo mobile tutte le volte che visiti un sito online attraverso un browser. Ad ogni successiva visita il browser invia questi cookies al sito web che li ha originati o ad un altro sito. I cookies permettono ai siti di ricordare alcune informazioni per permetterti di navigare online in modo semplice e veloce.

Ci sono due principali tipi di cookie: i cookie di sessione e cookies permanenti. I cookie di sessione vengono eliminati dal computer automaticamente quando chiudi il browser, mentre i cookie permanenti restano memorizzati sul tuo computer a meno che non siano eliminati o raggiungano la loro data di scadenza.

I cookie sul nostro sito
lamicodelpopolo.it, titolare del trattamento, utilizza sul sito i seguenti cookies, con le relative finalità:

  • Session cookie - I cookie di sessione archiviano e recuperano valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l’ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l’utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.
  • Performance cookie - I Performance cookie raccolgono informazioni anonime circa l’utilizzo che si fa del Sito e ci consentono di migliorarne il funzionamento. Ad esempio ci mostrano quali sono le pagine più frequentemente visitate, ci consentono di verificare quali sono gli schemi ricorrenti d’utilizzo del Sito, ci aiutano a comprendere ogni difficoltà che incontri durante l’utilizzo.
  • Analytics cookie - Gli Analytics cookie sono assimilati ai cookie tecnici e sono utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; Inoltre il sito fa uso di cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Come disabilitare i cookie
Nel caso volessi bloccare cookie ti ricordiamo che questo potrebbe avere un impatto negativo sull’usabilità di alcuni siti web. La maggior parte dei browser ti permette di rifiutare/accettare i cookie. Di seguito ti riportiamo alcune informazioni pratiche per disabilitare i cookie sul browser che stai utilizzando.

Internet Explorer 9

  1. Apri la finestra di Internet explorer.
  2. Clicca su “Strumenti”.
  3. Vai su “Sicurezza” e dopo clicca “Cancella cronologia”.
  4. Spunta il box “cookies” e dopo clicca su “cancella”.
  5. Clicca “Sicurezza” on the sulla barra.
  6. Seleziona “Cancella cronologia”.
  7. Seleziona l’opzione per cookie and e dopo clicca su “cancella”.

Internet Explorer 8
In alternativa, la nuova funzione di Internet Explorer 8 InPrivate browsing consente all’utente di navigare in rete senza lasciare tracce dai siti visitati (inclusi i cookie). Per utilizzare la modalità InPrivate:

  1. Clicca “Sicurezza” sulla barra.
  2. Seleziona "InPrivate Browsing".
  3. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  4. Clicca su “Start”, “Run”, ed inserisci inetcpl.cpl e dopo clicca su “OK”.
  5. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  6. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  7. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer 7.x

  1. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  2. Clicca su “Start”, “Run” ed inserisci inetcpl.cpl, e dopo clicca su “OK”.
  3. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  4. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  5. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer (tutte le altre versioni)
Internet Explorer salva i cookies in più luoghi in funzione della versione del browser e dal sistema Microsoft Windows utilizzato. Il miglior modo per trovare e cancellare i cookies è di chiudere Internet Explorer ed utilizzare lo strumento di esplora risorse (ad esempio Windows Explorer) e cercare una cartella che si chiami “cookies”.

Google Chrome

  1. Fai clic sull'icona “impostazioni” in alto a destra del menu.
  2. Seleziona “Impostazioni”. Nella parte inferiore della pagina, fai clic su Mostra impostazioni avanzate.
  3. Nella sezione "Privacy" fai clic su Impostazioni contenuti.
  4. Per disattivare i cookie, seleziona Impedisci ai siti di impostare dati (in alternative puoi rimuovere tutti i cookie creati in un intervallo di tempo specifico selezionandolo dall’elenco a tendina).
  5. Seleziona "Cancella dati di navigazione" per cancellare tutte le tracce dei siti che hai visitato.
  6. Seleziona "Cancella cronologia download” per cancellare l’archivio dei file e dei programmi che avete scaricato.
  7. Selezione “Svuota la cache” per cancellare le pagine dei siti inserite in memoria cache.
  8. Puoi anche cancellare le password salvate (quelle che utilizzi per accedere ai siti) e i dati salvati per compilare form (ad esempio nome e cognome).
  9. Poi clicca sul bottone “Cancella dati di navigazione”.
  10. Clicca sul bottone “Chiudi”.

Mozilla Firefox

  1. Nella parte superiore della finestra di Firefox fare clic sul pulsante Firefox e seleziona “Opzioni” poi vai al pannello “Privacy”.
  2. Nel pannello “Cookies” cliccare su “mostra Cookies”.
  3. Per rimuovere un singolo cookie cliccare sulla singola voce nella lista e dopo cliccare sul bottone rimuovi cookie.
  4. Per rimuovere tutti i cookies cliccare sul bottone Rimuovi tutti i cookie.
  5. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  6. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  7. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  8. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  9. Clicca sul bottone “Cancella”.

Safari 1.0 (MacOS X)

  1. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  2. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  3. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  4. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  5. Clicca sul bottone “Cancella”.