Bonus idrico: questo sconosciuto!

 

In questi giorni è ritornata alla ribalta, attraverso una nota sottoscritta da alcuni sindaci del territorio dell’Ambito territoriale idrico della provincia di Agrigento, di cui però non esiste un documento ufficiale, la richiesta al gestore privato del servizio idrico in 27 dei 43 comuni dell’ATI, di riconoscere un quantitativo minimo giornaliero, non inferiore a 50 litri, a persona.
Un tema che ritorna ciclicamente e su cui spesso si dibatte. Il quantitativo minimo giornaliero, da garantire soprattutto, secondo noi, ai meno abbienti, è contemplato nella legge regionale n.19 del 2015, attualmente al vaglio della Consulta che deve accertarne la costituzionalità. Nella legge regionale però il legislatore ha omesso di indicare come verranno reperiti i fondi per la copertura finanziaria dei costi relativi all’erogazione di questo quantitativo minimo. Anche l’Autorità Garante per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AGEESI) sta cercando di regolamentare la materia, in particolare dopo l’introduzione, da parte del legislatore nazionale, con la legge n.221/2015, della “tariffa sociale del Sistema idrico integrato”. Soprattutto la AGEESI sta cercando di regolamentare come si debbano sostenere i costi e come reperire i fondi necessari per coprirli.
Ma i sindaci, soprattutto quelli dei 27 comuni in cui il servizio idrico è gestito da Girgenti Acque, in attesa che la materia del minimo quantitativo venga applicata e regolamentata, da anni hanno la possibilità di “aiutare” i meno abbienti a sostenere i costi delle bollette del servizio idrico. Questo grazie ad una componente che viene calcolata in fase di regolamento tariffario che è esclusivamente destinata agli interventi di politiche sociali. Peccato, però, che i sindaci non sembrino aver compreso appieno le potenzialità di questi fondi se, del quasi milione di euro di agevolazioni tariffarie stanziato per l’anno 2015, alla data del 16 marzo 2017, è stato utilizzato solo il 29%. Inoltre, ai primi cittadini di questi 27 comuni è data totale autonomia nelle scelta dei criteri di individuazione dei soggetti a cui erogare il contributo. Ma, anche questa possibilità più che essere un incentivo, sembra un ulteriore problema per i nostri primi cittadini tenuto conto che, su 27 comuni 8 non sono stati in grado di deliberare in merito alle agevolazioni non permettendo così ai propri cittadini di potervi accedere.
Se si richiede a gran voce l’applicazione di una norma volta ad aiutare chi vive in situazioni di disagio, ci appare abbastanza discordante il non utilizzare i mezzi che si hanno a disposizione per aiutare chi ha bisogno. Ma per l’anno 2015 a quanto ammontano le agevolazioni assegnate ad ognuno dei 27 comuni? Premettiamo che l’agevolazione è valida solo per i comuni che hanno consegnato le reti perché sono gli unici i cui costi per i servizio idrico sono riconosciuti ed approvati dall’AGEESI, condizione questa necessaria perché venga applicata ed attribuita l’aliquota. 

Come abbiamo già accennato per l’anno 2015 sono state riconosciute agevolazioni per un totale di €999.999,99 che sono state suddivise ed utilizzate dai 27 comuni in questo modo:

Agrigento: stanziato €164.751,85; deliberata dal comune €148.200,00; riconosciuta agli utenti €75.023,89; non usufruita €89.727,96.
Calamonaci: stanziato €3.867,47; deliberata dal comune €3.867,47; riconosciuta agli utenti €2.260,31; non usufruita €1.607,16.
Caltabellotta: stanziato €10.864,66; deliberata dal comune €10.864,66; riconosciuta agli utenti €6.114,54; non usufruita €4.750,12.
Campobello di Licata: stanziato €29.367,78; deliberata dal comune €0; riconosciuta agli utenti €0; non usufruita €29.367,78. Da sottolineare che anche le agevolazioni per l’anno 2014 non state utilizzate da questo comune.
Canicattì: stanziato €100.426,47; deliberata dal comune €7.007,47; riconosciuta agli utenti €5.462,63; non usufruita €94.963,84.
Casteltermini: stanziato €23.780,81, deliberata dal comune 9.660,00; riconosciuta agli utenti €0, non usufruita €23.780,81.
Castrofilippo: stanziato €8.489,70, deliberata dal comune €8.489,72; riconosciuta agli utenti €8.029,12 non usufruita €460,58.
Cattolica Eraclea: stanziato €11.188,13; deliberata dal comune €11.188,13; riconosciuta agli utenti €9.619,31; non usufruita €1.568,82.
Comitini: stanziati €2.701,27; deliberata dal comune €0; riconosciuta agli utenti €0; non usufruita €2. 701,27. Da sottolineare che anche le agevolazioni per l’anno 2014 non state utilizzate da questo comune.
Favara: stanziati €93.656,27; deliberata dal comune €0; riconosciuta agli utenti €0; non usufruita €93.656,27.
Grotte: stanziati €16.545,27; deliberata dal comune €16.545,19; riconosciuta agli utenti €13.715,50; non usufruita €2.829,77.
Licata: stanziati €107.985,48; deliberata dal comune €107.984,64; riconosciuta agli utenti €17.913,28; non usufruita €90.072,20.
Lucca Sicula: stanziati €5.325,93; deliberata dal comune €5.325,84; riconosciuta agli utenti €3.124,76; non usufruita €2.201,17.
Montallegro: stanziati €7.232,70; deliberata dal comune €0; riconosciuta agli utenti €0; non usufruita €7.232,70.
Montevago: stanziati €8.410,25; deliberati dal comune €0; riconosciuti agli utenti €0; non usufruita €8.410,25.
Naro: stanziati €22.827,42; deliberati dal comune €21.196,76; riconosciuti agli utenti €2.905,08; non usufruita €19.922,34.
Porto Empedocle: stanziati €47.697,82; deliberati dal comune €47.150,00; riconosciuti agli utenti 35.039,38; non usufruita €12.658,44.
Racalmuto: stanziati €23.658,80; deliberati dal comune €4.588,00; riconosciuti agli utenti €3.946,64; non usufruiti €19.712,16.
Raffadali: stanziati €36.342,28; deliberati dal comune €25.312,39; riconosciuti agli utenti €19.689,86; non usufruiti €16.652,42
Ravanusa: stanziati €33.711,95; deliberati dal comune €0; riconosciuti agli utenti €0; non usufruiti €33.711,95.
Realmonte: stanziati €12.609,70; deliberati dal comune €0; riconosciuti agli utenti €0; non usufruiti €12.609,70.
Ribera: stanziati €54.638,27; deliberati dal comune €54.637,66; riconosciuti agli utenti €27.493,98; usufruiti €27,144,29.
Sambuca di Sicilia: stanziati €17.070,20; deliberati dal comune €17.070,00; riconosciuti agli utenti €8.046,69; usufruiti €9.023,51.
San Giovanni Gemini: stanziati €23.026,05; deliberati dal comune €23.026,01; riconosciuti agli utenti €20.431,24; usufruiti €2.594,81.
Sciacca: stanziati €116.648,27; deliberati dal comune €117.438,21; riconosciuti agli utenti €21.280,97; usufruiti €95.367,30.
Siculiana: stabiliti €13.126,12; deliberati dal comune €13.126,02; riconosciuti agli utenti €7.014,08; usufruiti €6.112,04.
Villafranca Sicula: stabiliti €4.049,07; deliberati dal comune €4.049,04; riconosciuti agli utenti €680,05; usufruiti €3.369,02.

L’elenco si conclude con una precisazione “le differenze tra l’agevolazione deliberata dai comuni – si legge – e quella effettivamente attribuibile agli utenti scaturiscono dalle seguenti incongruenze: importo dell’agevolazione attribuita dal comune al singolo utente è risultata superiore agli addebiti complessivi di competenza dell’anno fatturati all’utente stesso (es. bollettazione totale utente 100 euro agevolazione richiesta 120euro, ndr); è stata riconosciuta ed attribuita una agevolazione tariffaria dai comuni a soggetti non titolari di utenze idriche di tipo domestico residente (es. attività commerciali, ndr); non è stato comunicato l’importo dell’agevolazione da riconoscere al singolo utente.

Tirando le somme i nostri sindaci hanno ancora il 71%, pari a €714.694,33 di agevolazioni da utilizzare. Cosa aspettate ad utilizzarli?

Marilisa Della Monica

 

Versione web de L’Amico del Popolo, settimanale cattolico agrigentino – iscrizione n°32 Tribunale di Agrigento del 14 nov 1955
Sede: via Duomo, 102 – 92100 Agrigento – Tel: 0922/24345 - Partita IVA: 01821530845
customized by LAB24

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori.

Continuando la navigazione su questo sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

 

Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’ utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso espressi in questo documento.

Che cosa sono i cookie?
I cookie sono file di testo che contengono pacchetti di informazioni che vengono memorizzati sul tuo computer o sul tuo dispositivo mobile tutte le volte che visiti un sito online attraverso un browser. Ad ogni successiva visita il browser invia questi cookies al sito web che li ha originati o ad un altro sito. I cookies permettono ai siti di ricordare alcune informazioni per permetterti di navigare online in modo semplice e veloce.

Ci sono due principali tipi di cookie: i cookie di sessione e cookies permanenti. I cookie di sessione vengono eliminati dal computer automaticamente quando chiudi il browser, mentre i cookie permanenti restano memorizzati sul tuo computer a meno che non siano eliminati o raggiungano la loro data di scadenza.

I cookie sul nostro sito
lamicodelpopolo.it, titolare del trattamento, utilizza sul sito i seguenti cookies, con le relative finalità:

  • Session cookie - I cookie di sessione archiviano e recuperano valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l’ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l’utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.
  • Performance cookie - I Performance cookie raccolgono informazioni anonime circa l’utilizzo che si fa del Sito e ci consentono di migliorarne il funzionamento. Ad esempio ci mostrano quali sono le pagine più frequentemente visitate, ci consentono di verificare quali sono gli schemi ricorrenti d’utilizzo del Sito, ci aiutano a comprendere ogni difficoltà che incontri durante l’utilizzo.
  • Analytics cookie - Gli Analytics cookie sono assimilati ai cookie tecnici e sono utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; Inoltre il sito fa uso di cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Come disabilitare i cookie
Nel caso volessi bloccare cookie ti ricordiamo che questo potrebbe avere un impatto negativo sull’usabilità di alcuni siti web. La maggior parte dei browser ti permette di rifiutare/accettare i cookie. Di seguito ti riportiamo alcune informazioni pratiche per disabilitare i cookie sul browser che stai utilizzando.

Internet Explorer 9

  1. Apri la finestra di Internet explorer.
  2. Clicca su “Strumenti”.
  3. Vai su “Sicurezza” e dopo clicca “Cancella cronologia”.
  4. Spunta il box “cookies” e dopo clicca su “cancella”.
  5. Clicca “Sicurezza” on the sulla barra.
  6. Seleziona “Cancella cronologia”.
  7. Seleziona l’opzione per cookie and e dopo clicca su “cancella”.

Internet Explorer 8
In alternativa, la nuova funzione di Internet Explorer 8 InPrivate browsing consente all’utente di navigare in rete senza lasciare tracce dai siti visitati (inclusi i cookie). Per utilizzare la modalità InPrivate:

  1. Clicca “Sicurezza” sulla barra.
  2. Seleziona "InPrivate Browsing".
  3. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  4. Clicca su “Start”, “Run”, ed inserisci inetcpl.cpl e dopo clicca su “OK”.
  5. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  6. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  7. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer 7.x

  1. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  2. Clicca su “Start”, “Run” ed inserisci inetcpl.cpl, e dopo clicca su “OK”.
  3. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  4. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  5. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer (tutte le altre versioni)
Internet Explorer salva i cookies in più luoghi in funzione della versione del browser e dal sistema Microsoft Windows utilizzato. Il miglior modo per trovare e cancellare i cookies è di chiudere Internet Explorer ed utilizzare lo strumento di esplora risorse (ad esempio Windows Explorer) e cercare una cartella che si chiami “cookies”.

Google Chrome

  1. Fai clic sull'icona “impostazioni” in alto a destra del menu.
  2. Seleziona “Impostazioni”. Nella parte inferiore della pagina, fai clic su Mostra impostazioni avanzate.
  3. Nella sezione "Privacy" fai clic su Impostazioni contenuti.
  4. Per disattivare i cookie, seleziona Impedisci ai siti di impostare dati (in alternative puoi rimuovere tutti i cookie creati in un intervallo di tempo specifico selezionandolo dall’elenco a tendina).
  5. Seleziona "Cancella dati di navigazione" per cancellare tutte le tracce dei siti che hai visitato.
  6. Seleziona "Cancella cronologia download” per cancellare l’archivio dei file e dei programmi che avete scaricato.
  7. Selezione “Svuota la cache” per cancellare le pagine dei siti inserite in memoria cache.
  8. Puoi anche cancellare le password salvate (quelle che utilizzi per accedere ai siti) e i dati salvati per compilare form (ad esempio nome e cognome).
  9. Poi clicca sul bottone “Cancella dati di navigazione”.
  10. Clicca sul bottone “Chiudi”.

Mozilla Firefox

  1. Nella parte superiore della finestra di Firefox fare clic sul pulsante Firefox e seleziona “Opzioni” poi vai al pannello “Privacy”.
  2. Nel pannello “Cookies” cliccare su “mostra Cookies”.
  3. Per rimuovere un singolo cookie cliccare sulla singola voce nella lista e dopo cliccare sul bottone rimuovi cookie.
  4. Per rimuovere tutti i cookies cliccare sul bottone Rimuovi tutti i cookie.
  5. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  6. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  7. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  8. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  9. Clicca sul bottone “Cancella”.

Safari 1.0 (MacOS X)

  1. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  2. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  3. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  4. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  5. Clicca sul bottone “Cancella”.