Commemorazione defunti, card. Montenegro: "I morti in mare vanno pianti insieme ai nostri cari"

 Pubblichiamo il testo integrale (e il video) dell’omelia che l’arcivescovo di Agrigento, card. Francesco Montenegro ha pronunciato in occasione della Commemorazione dei fedeli defunti il 2 novembre al cimitero Bonamorone di Agrigento. 

“ Il giorno della Commemorazione dei defunti ritorna annualmente -ha esordito Cardinale- portando con sé ricordi, lacrime è nostalgia. Ma per noi credenti anche fiducia e speranza cristiana. È stato Gesù a dirci con la sua morte in croce - ha proseguito il cardinale - che l’uomo non è condannato alla morte ma è destinato alla vita quella del cielo. È dalla croce che si irradia quella luce che trasforma la morte da un assurdo che spaventa a un gesto di eterno amore di Dio per l’umanità. Se e quando ci si sente amati da Dio anche la sofferenza, la fatica, la morte acquistano un senso e un valore tali che superano i confini del tempo e raggiungono il cuore dell’eternità. Non è facile – ha detto l’Arcivescovo -  parlare di morte soprattutto in un tempo bizzarro come il nostro. Si fa di tutto- ha proseguito - per nasconderla, evitiamo anche di chiamarla per nome E poi la si banalizza addirittura la  si spettacolarizza. Approfittiamo di questo giorno – ha detto ai presenti -  per puntare lo sguardo, nel silenzio e anche con stupore,  sulla croce e  su Gesù che vi muore appresso. Con questo gesto Egli si compromette al massimo con noi e contemporaneamente ci svela il suo amore totale, estremo e scandaloso. Dinnanzi ad un Dio - ha proseguito il cardinale- che ama l’uomo fino a questo punto anche la morte acquista un volto nuovo. Se la croce è il metro dell’amore di Dio per noi, se egli ha attraversato e sconfitto la morte allora essa può fare meno paura perché è visitata da Dio.

Egli non può essere un Dio che ci ruba la vita dopo averceladonata.

Dal Golgota in poi la morte non può più essere intesa come un baratro che segna la fine dei sogni e delle speranze umane. Ma è attraversata da una luce particolare, che parla anche in un simile momento di vita. Questo significa – ha detto -  il cero acceso vicino alla barra durante la celebrazione dei funerali. La morte di Cristo - ha continuato il cardinale -non è solo la dimostrazione del suo amore; essa modifica la condizione dell’umanità, la libera dal peccato, e noi perciò possiamo parlare di vita eterna. La morte - ha detto ancora il cardinale- ci obbliga ad una scelta o chiuderci nel nostro guscio, stretti da paura o aprirci, senza condizioni alla speranza e alla fiducia di Dio. Accettare questo significa dare fiducia a Dio e attendere la salvezza che lui ci offre ma anche attendere Lui.

Senza questo atteggiamento di fiducia in Dio, la nostra fede, resterà fragile.

I santi – ha proseguito -  ci insegnano che questo abbandono totale vale proprio nel momento della morte quando le certezze umane vengono meno. Ora capiamo perché S.Francesco chiamava la morte  “sorella” e Don Guanella “mamma”.

Abbiamo bisogno di guardare alla morte di Cristo in questo nostro camminare tra le tombe alla ricerca dei nostri cari. Mentre li ricordiamo e preghiamo per loro nello stesso tempo ripetiamo la nostra obbedienza e abbandono al Padre che è nei cieli. L’incontro con i nostri cari   diventi incontro con Dio che ci parla di vita.

Il cardinale ha concluso la sua omelia  ricordando le parole di Montale “ la morte odore di risurrezione”.

Inoltre l’arcivescovo ha voluto ricordare anche i defunti in mare che riposano nei nostri cimiteri. "Quei morti - ha detto -  ci interessano sono fratelli nostri che, seppure col colore della pelle diversa, appartengono alla famiglia umana molti alla nostra Famiglia cristiana.

Sono morti che vanno pianti insieme ai nostri cari, che devono scuotere le nostre coscienze e farci riflettere che il paradiso resta lontano per noi sei in questa terra non siamo in grado di annullare le differenze e le diversità. Il loro silenzio è grido che Dio ascolta, come ha ascolto quello del suo popolo prigioniero del faraone. Chiediamo, a concluso l’arcivescovo, perdono per il nostro album egoismo e chiediamo al Signore che ci aiuti a comprendere cosa vuol dire vivere da cristiani, e ci aiuti a fare le scelte giuste, ad affrontare le situazioni soprattutto se difficili.   Chiediamo al Signore di aumentare la nostra fede e di farci sentire sempre il profumo della sua Pasqua".

Carmelo Petrone

 

 

Video e foto di Mattias Lopilato

Versione web de L’Amico del Popolo, settimanale cattolico agrigentino – iscrizione n°32 Tribunale di Agrigento del 14 nov 1955
Sede: via Duomo, 102 – 92100 Agrigento – Tel: 0922/24345 - Partita IVA: 01821530845
customized by LAB24

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori.

Continuando la navigazione su questo sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

 

Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’ utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso espressi in questo documento.

Che cosa sono i cookie?
I cookie sono file di testo che contengono pacchetti di informazioni che vengono memorizzati sul tuo computer o sul tuo dispositivo mobile tutte le volte che visiti un sito online attraverso un browser. Ad ogni successiva visita il browser invia questi cookies al sito web che li ha originati o ad un altro sito. I cookies permettono ai siti di ricordare alcune informazioni per permetterti di navigare online in modo semplice e veloce.

Ci sono due principali tipi di cookie: i cookie di sessione e cookies permanenti. I cookie di sessione vengono eliminati dal computer automaticamente quando chiudi il browser, mentre i cookie permanenti restano memorizzati sul tuo computer a meno che non siano eliminati o raggiungano la loro data di scadenza.

I cookie sul nostro sito
lamicodelpopolo.it, titolare del trattamento, utilizza sul sito i seguenti cookies, con le relative finalità:

  • Session cookie - I cookie di sessione archiviano e recuperano valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l’ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l’utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.
  • Performance cookie - I Performance cookie raccolgono informazioni anonime circa l’utilizzo che si fa del Sito e ci consentono di migliorarne il funzionamento. Ad esempio ci mostrano quali sono le pagine più frequentemente visitate, ci consentono di verificare quali sono gli schemi ricorrenti d’utilizzo del Sito, ci aiutano a comprendere ogni difficoltà che incontri durante l’utilizzo.
  • Analytics cookie - Gli Analytics cookie sono assimilati ai cookie tecnici e sono utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; Inoltre il sito fa uso di cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Come disabilitare i cookie
Nel caso volessi bloccare cookie ti ricordiamo che questo potrebbe avere un impatto negativo sull’usabilità di alcuni siti web. La maggior parte dei browser ti permette di rifiutare/accettare i cookie. Di seguito ti riportiamo alcune informazioni pratiche per disabilitare i cookie sul browser che stai utilizzando.

Internet Explorer 9

  1. Apri la finestra di Internet explorer.
  2. Clicca su “Strumenti”.
  3. Vai su “Sicurezza” e dopo clicca “Cancella cronologia”.
  4. Spunta il box “cookies” e dopo clicca su “cancella”.
  5. Clicca “Sicurezza” on the sulla barra.
  6. Seleziona “Cancella cronologia”.
  7. Seleziona l’opzione per cookie and e dopo clicca su “cancella”.

Internet Explorer 8
In alternativa, la nuova funzione di Internet Explorer 8 InPrivate browsing consente all’utente di navigare in rete senza lasciare tracce dai siti visitati (inclusi i cookie). Per utilizzare la modalità InPrivate:

  1. Clicca “Sicurezza” sulla barra.
  2. Seleziona "InPrivate Browsing".
  3. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  4. Clicca su “Start”, “Run”, ed inserisci inetcpl.cpl e dopo clicca su “OK”.
  5. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  6. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  7. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer 7.x

  1. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  2. Clicca su “Start”, “Run” ed inserisci inetcpl.cpl, e dopo clicca su “OK”.
  3. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  4. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  5. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer (tutte le altre versioni)
Internet Explorer salva i cookies in più luoghi in funzione della versione del browser e dal sistema Microsoft Windows utilizzato. Il miglior modo per trovare e cancellare i cookies è di chiudere Internet Explorer ed utilizzare lo strumento di esplora risorse (ad esempio Windows Explorer) e cercare una cartella che si chiami “cookies”.

Google Chrome

  1. Fai clic sull'icona “impostazioni” in alto a destra del menu.
  2. Seleziona “Impostazioni”. Nella parte inferiore della pagina, fai clic su Mostra impostazioni avanzate.
  3. Nella sezione "Privacy" fai clic su Impostazioni contenuti.
  4. Per disattivare i cookie, seleziona Impedisci ai siti di impostare dati (in alternative puoi rimuovere tutti i cookie creati in un intervallo di tempo specifico selezionandolo dall’elenco a tendina).
  5. Seleziona "Cancella dati di navigazione" per cancellare tutte le tracce dei siti che hai visitato.
  6. Seleziona "Cancella cronologia download” per cancellare l’archivio dei file e dei programmi che avete scaricato.
  7. Selezione “Svuota la cache” per cancellare le pagine dei siti inserite in memoria cache.
  8. Puoi anche cancellare le password salvate (quelle che utilizzi per accedere ai siti) e i dati salvati per compilare form (ad esempio nome e cognome).
  9. Poi clicca sul bottone “Cancella dati di navigazione”.
  10. Clicca sul bottone “Chiudi”.

Mozilla Firefox

  1. Nella parte superiore della finestra di Firefox fare clic sul pulsante Firefox e seleziona “Opzioni” poi vai al pannello “Privacy”.
  2. Nel pannello “Cookies” cliccare su “mostra Cookies”.
  3. Per rimuovere un singolo cookie cliccare sulla singola voce nella lista e dopo cliccare sul bottone rimuovi cookie.
  4. Per rimuovere tutti i cookies cliccare sul bottone Rimuovi tutti i cookie.
  5. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  6. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  7. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  8. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  9. Clicca sul bottone “Cancella”.

Safari 1.0 (MacOS X)

  1. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  2. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  3. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  4. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  5. Clicca sul bottone “Cancella”.