L'Amministratore Apostolico dell'Albania meridionale incontra il clero diocesano (VIDEO)

 

Venerdì 22 dicembre, S.E. mons. Giovanni Peragine, Amministratore apostolico dell’Albania meridionale, ha predicato al clero dell’Arcidiocesi di Agrigento, su invito del card. Francesco Montenegro, il ritiro in preparazione al Natale. .

L’invito assume un significato particolare, non solo per la vicinanza del Natale, ma anche per il legame speciale che unisce la diocesi di Agrigento  con l’Amministrazione apostolica dell’Albania del sud, dove negli scorsi mesi il card. Montenegro ha inviato in missione don Marco Farruggia, responsabile diocesano della cooperazione missionaria, e che più volte è stata destinazione di viaggi missionari dei giovani agrigentini.

perigineNella sua riflessione rivolta al clero agrigentino, mons. Peragine è partito da una parallelo tra la “giornata tipo” di Gesù, così come riportata nel brano nel Vangelo di Marco (1,28-39), e quella del sacerdote.

«Quando si tocca con mano la sproporzione tra la fatica impiegata e i risultati scarsi – ha sottolineato -, la tentazione al pessimismo e allo scoraggiamento è reale poiché finiamo col credere che i risultati devono essere proporzionati al nostro sforzo. E invece sappiamo che non è così, non dobbiamo parlare di efficienza del ministero, ma di efficacia del ministero. Il fallimento di un ministero viziato dall’attivismo è quasi inevitabile perché è un’azione che crede solo in se stessa e non lascia spazio a Dio. Nella struttura della missione invece l’azione umana deve riconoscere la sproporzione tra la povertà dei mezzi, tra la pochezza propria e il grande contenuto del regno di Dio». «È necessario superare la frammentazione di una vita spirituale senza sintesi; è necessario ritornare alle sorgenti dell’azione, che è, come per Gesù la preghiera, la contemplazione, l’esperienza di Dio», sottolinea in proposito mons. Peragine.

Per il presule un altro punto importante da evidenziare, a partire dal brano citato, è quello di «saper scegliere ciò che è decisivo nella nostra giornata. Il discernimento è quella sapienza spirituale che ci consente di distinguere ciò che è importante dentro le cose urgenti, e ciò che è decisivo dentro le cose importanti». A questo si collega un terzo ed ultimo elemento: «il costante riferimento per Cristo del suo ministero alla volontà del Padre: “per questo sono venuto” (Gv 18,37), “Il cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato” (Gv 4,34). La direzione giusta dello sguardo di Gesù è quello del regno di Dio».

Per mons. Peragine una “comunione incarnata” ed una “missione incarnata” sono le due direttrici dell’azione del sacerdote, nella direzione indicata dallo stesso Gesù, che va verso il “dialogo con la realtà”. Citando lo stesso card. Montenegro «solo radicando l’annuncio del vangelo nella realtà e nelle dinamiche del territorio, infatti, potremo dare concretezza alla fede, prospettive alla speranza e consistenza alla carità», conclude il Vescovo dell’Albania meridionale.

 

Al termine dell’incontro è stato il cardinale Montenegro a ringraziare Mons. Perigiene. “Sono contento - ha detto -  che ci ha regalato questo tempo che ci ha permesso di incontrarci. Lui - ha detto rivolto ai presbiteri -  ha conosciuto noi noi abbiamo conosciuto lui. In Comune per adesso abbiamo questa parola “Albania“, Che non è solo una parola. Era giusto - ha proseguito -  che ci incontrassimo. La sua esperienza,  il suo vissuto è una provocazione perché anche noi diventassimo partecipi della missione di Cristo. Noi- ha proseguito il cardinale -  siamo abituati a misurare tutto con i confini “la mia parrocchia” la “mia diocesi”... e mettiamo i paletti quando invece il Signore ci ha dato un solo confine il mondo. Il Signore ci dà il compito di guardare lontano. Se parliamo di Albania - ha proseguito l’Arcivescovo - non è per togliere qualcosa o qualcuno alla nostra chiesa, ma perché questa nostra Chiesa non può non guardare lontano.
Il cardinale Montenegro, ha poi voluto pubblicamente riservare un ringraziamento particolare a nome della Chiesa agrigentina a  don Marco Farruggia, che ha vissuto un po’ di tempo in Albania.  “Lo abbiamo mandato -  ha detto Montenegro- come esploratore; era colui che  doveva aprire una Strada ma ma il Signore nei suoi calcoli e mei suoi piani improvvisamente crea dei vuoti..."

E rispondendo alla domanda se dopo il rientro in diocesi di don Marco, l'esperienza missionaria della Chiesa agrigentina si interrompesse, l'Arcivescovo ha detto che  "la porta dell’Albania non è chiusa ma socchiusa. Credo - ha proseguito - che chiudere la porta sarebbe un’offesa fatta al Signore perché mettiamo porte laddove lui non li mette. La nostra diocesi deve finire dove finisce il mondo non siamo stati fatti preti - ha detto ai presbiteri -  per la parrocchia dove operiamo, ssiamo stati chiamati per essere preti della Chiesa. Chiediamo a Gesù bambino che nasce - ha  concluso l’Arcivescovo -  che ci allarghi il cuore secondo i confini della Chiesa. Se qualcuno dovesse dire” io ci andrei” - ha detto l’Arcivescovo rivolto ai presbiteri -  non toglie niente questa chiesa, ma l'aiuta ad essere magnifica gli occhi del Signore. Mons. Perigine - ha proseguito -  non è venuto qui per convincere qualcuno, ma a ricordarci che abbiamo bisogno di tenere le finestre aperte. Portiamo nel cuore la Chiesa Albanese, ha concluso il card. Montenegro,  e preghiamolo ci dia voglia e desiderio di qualcosa in più e di non stare sempre a desiderare le cipolle d’Egitto, ma ad avere coraggio di attraversare il Mar rosso.

 

Al termine del ritiro il nostro direttore, Carmelo Petrone,  ha incontrato (Vedi video sotto)  mons.Perigine e colui si intrattenuto a parlare dell'incarico da poco ricevuto e della Chiesa in Albania.  

CP

 

Versione web de L’Amico del Popolo, settimanale cattolico agrigentino – iscrizione n°32 Tribunale di Agrigento del 14 nov 1955
Sede: via Duomo, 102 – 92100 Agrigento – Tel: 0922/24345 - Partita IVA: 01821530845
customized by LAB24

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori.

Continuando la navigazione su questo sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

 

Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’ utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso espressi in questo documento.

Che cosa sono i cookie?
I cookie sono file di testo che contengono pacchetti di informazioni che vengono memorizzati sul tuo computer o sul tuo dispositivo mobile tutte le volte che visiti un sito online attraverso un browser. Ad ogni successiva visita il browser invia questi cookies al sito web che li ha originati o ad un altro sito. I cookies permettono ai siti di ricordare alcune informazioni per permetterti di navigare online in modo semplice e veloce.

Ci sono due principali tipi di cookie: i cookie di sessione e cookies permanenti. I cookie di sessione vengono eliminati dal computer automaticamente quando chiudi il browser, mentre i cookie permanenti restano memorizzati sul tuo computer a meno che non siano eliminati o raggiungano la loro data di scadenza.

I cookie sul nostro sito
lamicodelpopolo.it, titolare del trattamento, utilizza sul sito i seguenti cookies, con le relative finalità:

  • Session cookie - I cookie di sessione archiviano e recuperano valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l’ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l’utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.
  • Performance cookie - I Performance cookie raccolgono informazioni anonime circa l’utilizzo che si fa del Sito e ci consentono di migliorarne il funzionamento. Ad esempio ci mostrano quali sono le pagine più frequentemente visitate, ci consentono di verificare quali sono gli schemi ricorrenti d’utilizzo del Sito, ci aiutano a comprendere ogni difficoltà che incontri durante l’utilizzo.
  • Analytics cookie - Gli Analytics cookie sono assimilati ai cookie tecnici e sono utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; Inoltre il sito fa uso di cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Come disabilitare i cookie
Nel caso volessi bloccare cookie ti ricordiamo che questo potrebbe avere un impatto negativo sull’usabilità di alcuni siti web. La maggior parte dei browser ti permette di rifiutare/accettare i cookie. Di seguito ti riportiamo alcune informazioni pratiche per disabilitare i cookie sul browser che stai utilizzando.

Internet Explorer 9

  1. Apri la finestra di Internet explorer.
  2. Clicca su “Strumenti”.
  3. Vai su “Sicurezza” e dopo clicca “Cancella cronologia”.
  4. Spunta il box “cookies” e dopo clicca su “cancella”.
  5. Clicca “Sicurezza” on the sulla barra.
  6. Seleziona “Cancella cronologia”.
  7. Seleziona l’opzione per cookie and e dopo clicca su “cancella”.

Internet Explorer 8
In alternativa, la nuova funzione di Internet Explorer 8 InPrivate browsing consente all’utente di navigare in rete senza lasciare tracce dai siti visitati (inclusi i cookie). Per utilizzare la modalità InPrivate:

  1. Clicca “Sicurezza” sulla barra.
  2. Seleziona "InPrivate Browsing".
  3. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  4. Clicca su “Start”, “Run”, ed inserisci inetcpl.cpl e dopo clicca su “OK”.
  5. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  6. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  7. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer 7.x

  1. Esci da Internet Explorer 7 e chiudi tutte le finestre di Windows Explorer.
  2. Clicca su “Start”, “Run” ed inserisci inetcpl.cpl, e dopo clicca su “OK”.
  3. Sulla scheda “Generale” clicca “Cancella” sotto “Cronologia navigazione” nel box “Proprietà Internet”.
  4. Nel box “Cancella cronologia di navigazione” clicca su “Cancella Cookies”.
  5. Nel box “Cancella Cookies” clicca “sì”.

Internet Explorer (tutte le altre versioni)
Internet Explorer salva i cookies in più luoghi in funzione della versione del browser e dal sistema Microsoft Windows utilizzato. Il miglior modo per trovare e cancellare i cookies è di chiudere Internet Explorer ed utilizzare lo strumento di esplora risorse (ad esempio Windows Explorer) e cercare una cartella che si chiami “cookies”.

Google Chrome

  1. Fai clic sull'icona “impostazioni” in alto a destra del menu.
  2. Seleziona “Impostazioni”. Nella parte inferiore della pagina, fai clic su Mostra impostazioni avanzate.
  3. Nella sezione "Privacy" fai clic su Impostazioni contenuti.
  4. Per disattivare i cookie, seleziona Impedisci ai siti di impostare dati (in alternative puoi rimuovere tutti i cookie creati in un intervallo di tempo specifico selezionandolo dall’elenco a tendina).
  5. Seleziona "Cancella dati di navigazione" per cancellare tutte le tracce dei siti che hai visitato.
  6. Seleziona "Cancella cronologia download” per cancellare l’archivio dei file e dei programmi che avete scaricato.
  7. Selezione “Svuota la cache” per cancellare le pagine dei siti inserite in memoria cache.
  8. Puoi anche cancellare le password salvate (quelle che utilizzi per accedere ai siti) e i dati salvati per compilare form (ad esempio nome e cognome).
  9. Poi clicca sul bottone “Cancella dati di navigazione”.
  10. Clicca sul bottone “Chiudi”.

Mozilla Firefox

  1. Nella parte superiore della finestra di Firefox fare clic sul pulsante Firefox e seleziona “Opzioni” poi vai al pannello “Privacy”.
  2. Nel pannello “Cookies” cliccare su “mostra Cookies”.
  3. Per rimuovere un singolo cookie cliccare sulla singola voce nella lista e dopo cliccare sul bottone rimuovi cookie.
  4. Per rimuovere tutti i cookies cliccare sul bottone Rimuovi tutti i cookie.
  5. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  6. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  7. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  8. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  9. Clicca sul bottone “Cancella”.

Safari 1.0 (MacOS X)

  1. Dal menù a tendina clicca sulla sottovoce “Preferenze”.
  2. Seleziona la scheda “Sicurezza”.
  3. Clicca sul bottone “Mostra cookies”.
  4. Seleziona dalla lista i cookies che vuoi rimuovere.
  5. Clicca sul bottone “Cancella”.