50° di ordinazione presbiterale: auguri a …

0
925
Nella foto: 30 giugno 1968, Chiesa San Domenico Agrigento, ordinazione presbiterale di (da sinistra verso destra) Giovanni Virga, Nicolò Mastrella, Ignazio Settecasi, Liborio Russotto, Nicolò Lupo, mons. Conti (cancelliere), S. E. mons. Giuseppe Petralia, mons. Francesco Padalino (rettore), Gaetano Di Liberto, Paolo Gulotta, Giuseppe Castellano e Giulio De Marco.

Oggi 30 giugno 2018 don Gaetano Di Liberto, don  Giuseppe Castellano e don Liborio Russotto ricordano il 50° di ordinazione presbiterale.

Il 30 giugno del 1968 (vedi foto in alto) furono ben  nove i sacerdoti che  nella concattedrale San Domenico di Agrigento, furono ordinati, da mons. Giuseppe Petralia: Giuseppe Castellano, Giulio De Marco, Gaetano Di Liberto, Paolo Gulotta, Nicolò Lupo, Nicolò Mastrella, Liborio Russotto, Ignazio Settecasi e Giovanni Virga. Di essi sono morti Lupo, Mastrella, Settecasi. Hanno abbandonato il ministero Gulotta, Virga e De Marco.

Don  Gaetano Di Liberto ha ricordato il giubileo sacerdotale il 15 giugno u.s. nella cappella del Seminario. Padre Giuseppe Castellano, in forma privata a Bivona dove vive, mentre  Padre Liborio Russotto lo ricorderà nella parrocchia San Vito Martire, di cui è parroco, il 3 luglio, alle ore 19.00 con una concelebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo, card.Francesco Montenegro

In occasione del 50° abbiamo incontrato (vedi video) padre Liborio Russotto che ci ha detto: “Sono felice di essere stato chiamato al sacerdozio e di avere servito Dio è i fratelli in parrocchia”. Un ricordo particolare padre Liborio lo riserverà, il giorno del cinquantesimo, – e quando ne parla la voce viene rotta dall’emozione – al fratello gemello mons. Salvatore Russotto, anch’egli presbitero morto nel 2013, con cui ha condiviso il periodo di formazione in Seminario e gli anni del ministero.

 

 

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here