Giornata vittime abusi, Damiano: “consolare, infrangere la bolla della loro sofferenza, risanarne le piaghe”

0
694
Mons. Damiano, in visita ad Ipogolo (Tanzania) riceve lo “Shikamó”, il saluto di benedizione e reverenza dei più piccoli nei confronti dei più anziani

Si celebra oggi, 18 novembre 2023, la III Giornata nazionale di preghiera della Chiesa italiana per le vittime e i sopravvissuti agli abusi. L’iniziativa, istituita in corrispondenza della Giornata europea per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale, coinvolge tutta la comunità cristiana nella preghiera, nella richiesta di perdono per i peccati commessi e nella sensibilizzazione riguardo a questa dolorosa realtà. In occasione della Giornata mons. Alessandro Damiano, arcivescovo di Agrigento e delegato della Conferenza episcopale siciliana per la Tutela dei minori, insieme con il direttore regionale, padre Salvatore Franco Omi e i direttori del Servizio delle diocesi di Sicilia, ha preso parte all’incontro promosso dalla Conferenza episcopale italiana sulla tutela dei minori e delle persone vulnerabili e sono stati ricevuti in udienza da Papa Francesco, al quale sono stati consegnati i risultati dell’indagine sulle attività dei Servizi e dei Centri di ascolto territoriali.

Leggi qui il messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al I Incontro nazionale dei Servizi e dei Centri di ascolto territoriali

Mons. Damiano ha, inoltre, diffuso sul nostro settimanale (cfr.n.34/2023) il messaggio che pubblichiamo di seguito. 

mons. Alessandro Damiano con il direttore regionale, padre Salvatore Franco Omi e i direttori del Servizio delle diocesi di Sicilia (ph.CESi)

Il Messaggio di mons. Damiano

«Il 18 novembre – scrive mons. Damiano – viene celebrata la terza Giornata nazionale di preghiera della Chiesa italiana per le vittime e i sopravvissuti agli abusi, per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili. Come leitmotiv di questa giornata è stato scelto un versetto tratto dal libro del profeta Geremia: “La Bellezza Ferita”. «Curerò la tua ferita e ti guarirò dalle tue piaghe» (Ger 30,17). Una lettura cristologica del versetto succitato ci fa comprendere come sia il Signore Gesù, «il Bel Pastore» (Gv 10,11) ferito e trafitto sulla croce dai nostri peccati, colui il quale cura le ferite e guarisce le piaghe.Geremia utilizza un modus dicendi caro alla letteratura ebraica: il parallelismo sinonimico. Ossia, ribadisce e ripete un concetto, per farlo imprimere in profondità nel cuore, per mezzo di sinonimi. “Curare la ferità”, quindi, equivale a “guarire la piaga”. Gesù, vero “buon samaritano” (cf. Lc 10,25-37) è, infatti, in grado di curare le ferite e guarire le piaghe, versando su esse «l’olio della consolazione e il vino della speranza» (Prefazio comune VIII); egli che ha portato i nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce (cf. 1Pt 2,24). Il versetto del libro del profeta Geremia fa parte di una sessione che viene denominata, dai commentatori, il “libro della consolazione” (Ger 30-31).

mons. Alessandro Damiano (ph.C.P.)

Curare le ferite e guarire le piaghe di chi ha subito abusi è, dunque, anzitutto opera del Signore Gesù crocifisso e risorto e del suo Santo Spirito Consolatore. Ma noi, che cosa possiamo fare affinché le ferite siano curate e le piaghe risanate? Possiamo, ci ricorda il “libro della consolazione” del profeta Geremia, consolare. Consolati dallo Spirito Consolatore possiamo, a nostra volta, consolare (cf. 2Cor 1,3-4). Consolare – come indica l’etimologia della parola – significa concretamente stare con chi è solo e isolato nel suo dolore e nella memoria del male subito e patito. Stare con qualcuno è sostare con riverenza e rispetto, «con timore e tremore» (Fil 2,12) presso il mistero dell’altro. Ma c’è modo e modo di stare vicino a chi soffre. C’è la modalità dei famigerati amici di Giobbe, pieni e tronfi di sapere, pronti a trovare una giustificazione, una “teodicea” per ogni male inferto e sofferto. Ma la scienza gonfia, è la carità che edifica, ci ricorda san Paolo (cf. 1Cor 1,8). D’altra parte, c’è una postura giusta, corretta, adeguata – sovente silenziosa – di stare con chi soffre, di curare le sue ferite e guarire le sue piaghe. È la postura della Vergine Maria presso la croce di Gesù, di suo Figlio.

Consolare le vittime d’abuso, infrangere la bolla asfissiante e isolante della loro sofferenza, risanarne le piaghe

è, quindi, un compito ecclesiale; eminentemente e squisitamente mariano. A Maria consolatrice, a lei che è la “Tutta bella” ferita sotto la croce dalla spada del dolore e dell’amore (cf. Lc 2,35) affidiamo, dunque, i nostri sentieri “non interrotti” di cura e di guarigione delle ferite e delle piaghe inferte e sofferte. In modo tale che la “ferita” diventi una “feritoia”, attraverso la quale entri lo Spirito Santo Consolatore, Curatore e Guaritore, che «lava ciò che è sordido, bagna ciò che arido, sana ciò che sanguina» (cf. la sequenza liturgica di Pentecoste Veni, Sancte Spiritus). Solo grazie allo Spirito Santo diverremo “tessitori” instancabili di speranza.»

 

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.