Parr. Sacro Cuore: il 13 novembre la dedicazione della nuova Chiesa (le Immagini)

0
3240

Don Mario Sorce, parroco della parrocchia “Sacro Cuore di Gesù” di Agrigento (Quadrivio Spinasanta) unitamente alla comunità ecclesiale sono lieti di comunicare che, sabato 13 novembre 2021, alle ore 18.30, l’Arcivescovo di Agrigento, mons. Alessandro Damiano, presiederà il “Rito di Dedicazione” della nuova chiesa “Sacro Cuore di Gesù” al termine del quale sarà benedetto ed inaugurato il nuovo Complesso parrocchiale (casa canonica, locali per la catechesi ed ampio salone). Dopo trentuno anni si realizza il sogno di padre Giuseppe Sicilia e dell’intera comunità parrocchiale del Sacro Cuore. “Se uno sogna da solo, il suo rimane un sogno; se il sogno è fatto insieme ad altri, esso è già l’inizio della realtà”. Così scriveva il vescovo, Dom Helder Pessoa Câmara. Quel sogno iniziale dell’anziano parroco e della comunità del Sacro Cuore che ha servito per oltre 50 anni a partire dall’8 febbraio 1965, adesso prende forma grazie anche alla determinazione di Don Mario che unitamente alla comunità ha continuato a credere in sogno iniziale maturato in un periodo, gli anni ’60, caratterizzati in gran parte dallo sviluppo urbanistico della zona e dal conseguente continuo aumento della popolazione che, dalle appena 700 persone del 1965 arriva alle circa cinquemila attuali. Ma sono anche gli anni del dopo Concilio che vedono padre Sicilia, insieme a tutta la comunità intraprendere un cammino di rinnovamento pastorale con una partecipazione sempre più attiva e responsabile dei laici nella vita della Chiesa.

E con lui la parrocchia comincia subito ad acquistare una nuova vitalità e va, via via, rinnovandosi nelle sue strutture (la nuova Chiesa, quella attuale, viene inaugurata nel 1982) ed in ogni settore della vita ecclesiale. I cinquant’anni del suo ministero al Quadrivio, padre Sicilia, li ha voluti raccogliere, nel 2010, in occasione del suo 50° anniversario di ordinazione, in un volume “Prete da 50 anni”, arricchito da immagini, date, ricordi, traguardi pastorali raggiunti. Pagine di storia, di vita ecclesiale e cittadina che è stato possibile leggere – come abbiamo scritto sulle pagine del nostro settimanale in occasione dei funerali, sui volti rigati dalle lacrime delle numerose persone che 13 aprile 2013, nella Chiesa del Sacro Cuore hanno voluto rendere l’ultimo saluto a padre Sicilia.

Ma ritorniamo al sogno della Chiesa. Era il 1990 quando padre Sicilia chiedeva all’architetto Gerlando Sanzo di presentare un progetto per la costruzione di una nuova chiesa parrocchiale. Passarono cinque anni e il progetto venne presentato alla Regione Siciliana. Dato che dalla Regione non arrivava risposta nel 1999 il vescovo mons. Carmelo Ferraro inoltrò la richiesta alla CEI per la concessione di un finanziamento per la nuova chiesa e venne presentato lo stesso progetto che qualche anno dopo su richiesta della CEI venne cambiato in qualche parte. Nel 2004 padre Sicilia si trovò costretto a un gravoso pagamento all’Enel per lo spostamento di tre tralicci che avrebbero impedito la nuova costruzione (controversia iniziata nel 1995). Nel 2010 venne data la concessione edilizia per la costruzione del nuovo complesso parrocchiale, lo stesso anno, subentrando don Mario Sorce come parroco e padre Sicilia come co-parroco venne istituito un Fondo per la costruzione della nuova chiesa partendo dai 14.000 euro già in cassa. Nel tempo seguiranno altre iniziative per rimpinguare il Fondo e così assicurare buona parte della quota che la comunità deve sostenere per la realizzazione dell’opera che ammonta complessivamente a €2.600.000 col 20% di ribasso.
Nel 2011 vengono apportate delle modifiche al progetto originario con la presentazione di un secondo progetto che gli uffici preposti della CEI chiederanno di rielaborare; l’anno successivo (2012) l’architetto Sanzo propone una nuova e moderna soluzione progettuale. Si arriva così al terzo e definitivo progetto. Nel 2014 viene chiesta e ottenuta una nuova concessione edilizia (2014).
Il 2 aprile dello stesso anno (2014) arriva il “sì” definitivo della Conferenza Episcopale Italiana per l’approvazione del progetto comprendendo anche le opere artistiche ideate dallo stesso progettista. Dopo un intero anno di lavoro, nel 2015, per gli adempimenti burocratici viene indetto l’invito per la gara d’appalto. Si arriva così, dopo alterne vicende e sei anni di intenso lavoro, alla data del prossimo 13 novembre per il “Rito di dedicazione”.

In anteprima le immagini dell’interno

, per gentile concessione di Don Mario Sorce, vi offriamo un breve video dell’interno della chiesa ed alcune immagini.

  • Sul prossimo numero del settimanale cartaceo offriremo ai nostri lettori un resoconto della Dedicazione e illustreremo le scelte artistiche ed architettoniche poste in essere.

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.