Comando Carabinieri: riemerge il patrimonio culturale “sommerso” (mostra)

0
644

È stata inaugurata il 2 settembre 2023, la mostra dal titolo “Valorizzare il Sommerso”. L’esposizione è stata allestita all’interno della Caserma Biagio “Pistone”, sede del Comando

Il taglio del nastro

Provinciale dei Carabinieri di Agrigento. A tagliare il nastro saranno il Direttore Roberto

Sciarratta e il Comandante Provinciale, Colonnello Vittorio Stingo.

L’idea della mostra (il cui obiettivo è quello di tener viva, in una terra complessa come è la Sicilia, la cultura della legalità) nasce dalla collaborazione avviata e nel tempo consolidata con il Comando Provinciale dei Carabinieri e intende puntare l’attenzione sull’importantissimo ruolo svolto dall’Arma e dal suo Comando Tutela Patrimonio Culturale (TPC) che, con le sue molteplici sedi, lavora costantemente nel controllo delle attività illegali a danno del Patrimonio artistico e culturale della nostra Nazione, in stretta collaborazione con le altre forze di Polizia e con gli Stati europei ed extraeuropei.

Le opere che si è scelto di esporre sono frutto delle indagini e, poi, dei sequestri effettuati dal Comando Provinciale agrigentino e da alcune sue stazioni, nel tempo consegnate alla Soprintendenza ai Beni Culturali di Agrigento e al Museo archeologico “Pietro Griffo”, dove sono custodite. Osservare i reperti recuperati e tutto ciò che essi possono raccontare, è un invito, soprattutto rivolto alle nuove generazioni, al profondo rispetto per un patrimonio artistico che è bene di tutti, e a sentirsi parte di un ampio progetto di legalità, sostenendo con consapevolezza il lavoro silenzioso delle forze preposte ai compiti di controllo.

Gran parte dei reperti esposti è stata sempre conservata nei magazzini del museo “Griffo” e, dunque, viene presentata al pubblico per la prima volta, in un percorso che si snoda in più punti focali all’interno degli spazi della Caserma “Biagio Pistone”, fungendo così anche da veicolo per la conoscenza di un luogo non da tutti normalmente fruito.

Riemergono dal buio degli spazi museali manufatti in terracotta di varia tipologia e destinazione, frammenti ricomposti di un sarcofago soltanto da pochissimo tempo consegnato al museo agrigentino dal Comando Centrale TPC di Roma. Molte sono le anfore che, rimaste sommerse per secoli nel mare antistante la nostra costa, ritrovano la luce permettendo, grazie alla loro cronologia e provenienza, di aprire uno spaccato sulla storia economica dell’antica Agrigento e sugli scambi mercantili lungo le rotte che, fin dall’età preistorica, le imbarcazioni hanno solcato nel Mare Mediterraneo, sentito e vissuto non come un ostacolo ma come la principale via di comunicazione commerciale e “culturale” in senso lato. Ognuno è capace di raccontare una storia legata al mondo del quotidiano, poiché si passa dal mortaio, che serviva per pestare ingredienti di varia natura, ai dolii che nelle cantine e nei magazzini di case e palazzi contenevano le derrate alimentari, sia liquidi (olio, vino…) che aridi (legumi, cereali…).

Una hydria prodotta localmente, è legata al mondo dell’acqua: il suo nome deriva dalla parola greca iùdor, che significa acqua ed è caratterizzata dalla presenza di una terza ansa, rispetto alle due che solitamente avevano i vasi, usata proprio per facilitare il versamento del prezioso liquido.

La maggior parte dei reperti, invece, è legata al mondo del commercio: sono le anfore che provengono da diverse zone e che quindi attestano i commerci che Agrigento intratteneva con i paesi mediterranei, dall’Oriente (Siria, Cipro, Turchia) al Portogallo. Gli ultimi reperti esposti sono una base di louterion, bacile su alto piede che veniva usato per abluzioni nei santuari o semplicemente per l’igiene negli ambienti privati, oltre ai frammenti di un sarcofago in terracotta, pazientemente riassemblati e parzialmente integrati con un’opera di restauro che non manca di sottolineare didatticamente (nei pannelli espositivi che accompagnano la mostra) le antiche tecniche utilizzate per la sua lavorazione. La mostra, che sarà visitabile fino al 24 maggio 2024

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.