La reliquia del Giudice Beato nelle sedi istituzionali e nelle parrocchie di Roma

0
534
La teca con la reliquia del Beato Livatino (ph.Carmelo Petrone)

Dopo la sosta nella città di Racalmuto (vedi)  e prima della tappa nella città di Catania il prossimo 27 gennaio (vedi) dal 14 al 21 gennaio 2023 la peregrinatio della camicia intrisa di sangue del Giudice Beato Rosario Angelo Livatino farà tappa a Roma.

In calendario anche due convegni e una mostra, per far conoscere soprattutto ai giovani la sua storia La camicia intrisa del sangue del giudice Rosario Livatino, primo magistrato beato nella storia della Chiesa, ucciso il 21 settembre 1990, sarà per la prima volta a Roma dal 14 al 21 gennaio. La reliquia sarà accolta nelle sedi istituzionali, in numerose parrocchie e nelle università della Capitale in occasione della prima solenne Peregrinatio Beati Rosarii Livatino – Fidei et Justitiae Martyris, organizzata dall’arciconfraternita di Santa Maria Odigitria dei Siciliani. In calendario anche due convegni e una mostra per far conoscere, soprattutto ai giovani, la storia di un magistrato che ha dedicato la propria vita alla legalità mettendo sempre al centro la dignità e i diritti di ogni persona.
Il programma della peregrinatio è stato illustrato l’ 11 gennaio, nella Sala Salviati del Pio Sodalizio dei Piceni (vedi foto). La reliquia arriverà a Roma il 13 gennaio alle 21 e sarà accolta in forma privata dal vescovo ausiliare Daniele Libanori nella basilica di San Marco al Campidoglio. Sabato 14 alle 17 sarà ricevuta dal sindaco Roberto Gualtieri; alle 18 poi il trasferimento nella chiesa di Santa Maria Odigitria dei Siciliani dove, alla presenza del sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri Alfredo Mantovano, il vicegerente della diocesi di Roma Baldassare Reina presiederà la celebrazione della Solenne Passio Martyris.

Domenica 15 gennaio, nella Chiesa di Santa Maria Odigitria dei Siciliani, ore 11:00:Santa  Messa presieduta dal mons. Giuseppe Mani, Arcivescovo Emerito di Cagliari; Ore 1:00: Preghiera “Passio Martyris”; ore 17:30: Canto del Vespro; ore 18: La figura del Beato Rosario Angelo Livatino , testimone d Giustizia e di Carità, presentato dal Confratello Salvatore Filippo Vitello, Avvocato generale della Procura Generale presso la Corte di Appello di Roma. Ore 18:30: Santa Messa presieduta dal card. Francesco Montenegro, Arcivescovo emerito di Agrigento.

Lunedì 16 gennaio, gli studenti delle scuole medie e superiori omaggeranno la reliquia nella chiesa di Sant’ignazio di Loyola in Campo Marzio e nella parrocchia San Luca Evangelista al Prenestino.

Martedì 17, la camicia del “giudice ragazzino” sarà ospitata, dalle 9 alle 11, nella Suprema Corte Di Cassazione, da mezzogiorno nell’università Europea di Roma, dalle 15 nella Camera dei deputati. La giornata si concluderà con l’incontro degli universitari nella parrocchia di San Tommaso Moro.
«Vogliamo far conoscere la figura di questo magistrato ai giovani – ha detto il primicerio dell’arciconfraternita  Renzo Giuliano, parroco di San Marco in Campidoglio -. Vogliamo consegnare loro la storia di un testimone autentico della fede riconosciuto martire». Mercoledì 18 la peregrinatio proseguirà poi nella scuola ufficiale dei carabinieri, all’università Nicolò Cusano e nella biblioteca del Senato della Repubblica, dove si terrà il convegno “L’attualità del Beato Rosario Livatino” al quale parteciperà anche il segretario di Stato Vaticano Pietro Parolin.
“Beato Rosario Livatino: l’universale esempio del giusto. Dialoghi tra economia, fede e giustizia” è il tema dell’incontro che si terrà il 19 gennaio nella sede di Confindustria. «Saranno momenti importanti per soffermarsi sull’uomo, sul credente e sul magistrato, tre aspetti che in Livatino coesistevano», ha sottolineato monsignor Gianni Fusco, del comitato organizzatore.

La reliquia sarà portata anche nell’aula magna del Consiglio superiore della Magistratura, al ministero della Giustizia e nella parrocchia di San Salvatore in Lauro dove i fedeli «attendono con entusiasmo di onorare una persona che ha dedicato la sua vita alla difesa della giustizia», ha aggiunto il parroco monsignor Pietro Bongiovanni.
In occasione della peregrinatio, dal 16 al 23 gennaio, nella Sala Capitolare del convento di Santa Maria sopra Minerva sarà allestita la mostra “Sub Tutela Dei: il giudice Rosario Livatino” mentre nella navata della basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri saranno esposte quattro tele di Tahar Ben Jelloun e Pizzi Cannella. Sempre a Santa Maria degli Angeli e dei Martiri venerdì 20 gennaio alle 20.30 si terrà il concerto “Beatus vir – Vespri per un martire”, al quale parteciperà anche il cardinale vicario Angelo De Donatis.

Roberta Pumpo (fonte www.romasette.it)

 

 

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.