Don La Magra (parroco di Lampedusa) ospite di Fazio a “Che tempo che fa” (RAI2)

0
599
In foto un frame della puntata

A “Che tempo che fa”, il talk show di RAI2 condotto da Fabio Fazio, tra gli ospiti della puntata di Domenica 22 dicembre 2019 anche don Carmelo La Magra, parroco della parrocchia S. Gerlando di Lampedusa (vedi video) che racconta dell’arrivo al molo “Favarolo” dell’Isola dei sopravvissuti dell’ultimo naufragio  a poche miglia da Lampedusa e tra questi la drammatica storia di un giovane padre libico con il figlio che, nel naufragio aveva perso la moglie.

“C’era un giovane padre – racconta don Carmelo a Fazio – con un bambino di quasi 3 anni, che cercava la moglie, mi disse il nome, cercai di trovarla, non era nel gruppo. Quando arrivarono ormai gli ultimi sopravvissuti e ci si accorse al molo che non ne sarebbero arrivati altri, tanti si diedero alla disperazione.  Quell’uomo, doveva pensare a fare il padre,  non ha avuto neanche il diritto di piangere perché doveva custodire la vita del suo bambino. È inaccettabile, continua don Carmelo, che la gente debba arrivare in Italia in questo modo senza il diritto di essere  essere custoditi… Per don Carmelo a fare paura non è la figura dello straniero ma del povero. Con lo straniero – ha detto – con i turisti, con il mondo dell’arte e della cultura…) abbiamo sempre a che fare; a farci paura non è la differenza ma la povertà, che ci mette davanti ai nostri timori… Io non chiamerei mai un americano extracomunitario… ma l’immigrato povero mi fa paura perché è come se mi mettesse davanti le mie povertà e le mie debolezze.
VAI al video della trasmissione

DON CARMELO A #CTCF

"C'era un giovane padre, con un bambino di quasi 3 anni, che cercava la moglie. Quando arrivarono ormai gli ultimi sopravvissuti, quell'uomo non ha avuto neanche il diritto di disperarsi."Don Carmelo parroco di San Gerlando, unica parrocchia di Lampedusa.

Pubblicato da Che tempo che fa su Domenica 22 dicembre 2019

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here