“Giorno della Memoria”: consegnate le Medaglie d’Onore ai parenti di due aragonesi

0
616
Le autorità civili e militari con gli alunnidell’Istituto Comprensivo “Agrigento Centro”

Oggi , 27 gennaio 2023, “Giorno della Memoria” in ricordo delle vittime dell’Olocausto, si è svolta nella Prefettura di Agrigento la cerimonia di consegna di due Medaglie d’Onore conferite , su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri, “ai cittadini italiani, militari e civili deportati ed internati nei lager nazisti destinati al lavoro coatto per l’economia di Guerra”. Al momento erano presenti, i familiari degli insigniti, i Sindaci di Agrigento e di Aragona, i vertici provinciali delle Forze di Polizia e della Capitaneria di porto di Porto Empedocle, un rappresentante del Libero Consorzio Comunale e del Comitato provinciale ANPI di Agrigento una rappresentanza di studenti dell’Istituto Comprensivo “Agrigento Centro” che si sono esibiti con due brani musicali (l’Inno di Mameli e l’Inno alla Gioia) e con letture e riflessioni incentrate sulle figure di Primo Levi e Liliana Segre.
Una medaglia è stata consegnata al Sig. D’ALESSI Giuseppe, nipote del defunto Sig. D’ALESSI Giuseppe, classe 1923, cittadino aragonese che è stato arruolato nel 1942 e, dopo aver combattuto dal 16 giugno 1943 in territorio italiano, a seguito dell’armistizio, il 12 settembre successivo venne catturato dai tedeschi a Ragusa in Dalmazia; qui fu internato per quasi tre anni, quando gli fu concesso di poter fare ritorno in Sicilia.

L’altra medaglia è stata consegnata alla Sig.ra LA MENDOLA Patrizia,  nipote del defunto Sig. LA MENDOLA Vincenzo, classe 1912, anch’egli cittadino originario del Comune di Aragona, che fu chiamato alle armi nel 1939.
Dopo aver combattuto per diversi periodi in territorio italiano, il 10 novembre 1942 partì via terra per la Grecia, giungendo ad Atene quattro giorni dopo; qui si imbarcò per raggiungere l’isola di Rodi nel Dodecaneso giungendovi il 15 novembre.
Dopo aver partecipato per quasi un anno alle operazioni di guerra alla frontiera greco-albanese, venne catturato dai tedeschi il 9 settembre 1943 e deportato in campo di prigionia in Germania ove rimase fino al 5 settembre del 1945.
I riconoscimenti sono stati consegnati dal Prefetto di Agrigento e dal Sindaco di Aragona e da due studenti in una ideale continuità con la storia, rappresentata dagli insigniti, di valori e impegno che deve caratterizzare anche le giovani generazioni.

Nell’occasione, il Prefetto, Maria Rita Cocciufa, nel suo intervento, ha evidenziato  che è nostro dovere non solo ricordare milioni di persone innocenti vittime della insensata violenza nazista, ma anche mediante l’approfondita conoscenza di un periodo storico buio e drammatico per l’Europa e per il mondo intero, impegnarsi per far si che simili tragedie non debbano più ripetersi; per fare ciò occorre alimentare la coscienza critica, soprattutto dei giovani, ai quali il Prefetto si è in particolare rivolta, perché apprezzino e coltivino i valori  fondamentali della libertà e della democrazia.

Correlati:
  • Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della celebrazione del Giorno della Memoria (qui)
  • Dichiarazione del Cardinale Matteo Zuppi, Arcivescovo di Bologna e Presidente della CEI, in occasione della Giornata della Memoria. (qui)

 

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.