Giovedì Santo, gli auguri del Vicario Generale al vescovo

0
1106

Da lunga tradizione, il Giovedì Santo, all’inizio della Messa Crismale – che vede la Chiesa e i presbiteri dell’Arcidiocesi, stringersi intorno al vescovo per il rinnovo delle promesse dell’ordinazione e la benedizione degli oli sacri – il Vicario Generale, a nome del presbiterio e della comunità ecclesiale,  rivolge al Vescovo un messaggio di augurio. Anche quest’anno, in pieno clima emergenziale, in cui non si è potuta celebrare la messa crismale, don Melchiorre Vutera, vicario generale, ha ugualmente rivolto il suo augurio.

> La lettera del Vicario generale 

“Nessuno di noi avrebbe mai immaginato di vivere questo periodo di Quaresima e di Settimana Santa rinchiusi in casa a causa di un’emergenza sanitaria, tale da sospendere la celebrazione delle SS. Messe in forma pubblica e tutte le altre attività spirituali e pastorali in un tempo e in una settimana così importante per la nostra vita di fede. Le siamo riconoscenti – scrive don Vutera ricolto al vescovo – perché ci ha fatto comprendere che il digiuno eucaristico, cui i nostri fedeli sono costretti per necessità, ha una grande forza educativa perché aiuta ad accorgersi del bisogno e quindi del desiderio di Cristo”.

“Grazie – prosegue Vutera – per la sua guida sicura e paterna, grazie per le dotte e profonde riflessioni sulla liturgia del giorno, grazie per l’incoraggiamento a guardare avanti perché “il sole domani sorgerà”, grazie per lo stimolo a vivere questo tempo come momento di grazia per crescere nella fede e nella solidarietà verso i fratelli più bisognosi”.

Don Vutera ha voluto esprimere il suo ringraziamento agli “operatori sanitari, alle forze dell’ordine, agli amministratori, ai gruppi Caritas e di volontariato per il servizio che prestano agli ammalati, alla popolazione e alle persone bisognose”.

#chiciseparera

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.