Scioglimento CdA di Aica, Cartello Sociale: Basta con i giochi di palazzo sulle spalle di cittadini e lavoratori

0
268
I membri del Cartello Sociale di Agrigento

A seguito dello scioglimento del Consiglio di amministrazione (Cda) dell’Azienda Idrica Comuni Agrigentini, avvenuto nel il 7 febbraio 2023, in odierna, 8 febbraio, il Cartello Sociale della provincia di Agrigento interviene sullo scioglimento del CDA di Aica: Basta con i giochi di palazzo sulle spalle di cittadini e lavoratori.
Pubblichiamo di seguito la relativa nota.
“La presa d’atto da parte dei sindaci delle dimissioni del CDA di Aica fa saltare il banco a seguito dello scontro sulla nomina del direttore generale. In questo modo si scrive una pagina triste che mortifica le aspettative di tanti cittadini che ancora credono possibile una gestione virtuosa del servizio idrico integrato nella nostra provincia.
Un elemento di coerenza si registra nella posizione dei sindaci di Favara, Racalmuto e Santa Elisabetta che votando contro si tirano fuori da schermaglie che non giovano certo al futuro dell’azienda e dei suoi lavoratori.
Il CDA viene liquidato ufficialmente per scarsa produttività mentre  poi si sceglie il commissario tra gli stessi componenti dell’organismo deposto.
Si tratta piuttosto di un classico gioco di palazzo che si fa beffa degli utenti e di chi ha creduto in una scommessa che può ancora essere vinta nonostante gli ostacoli che da alcuni settori politici sono stati creati ad arte sul cammino di chi convintamente ha creduto possibile una gestione pubblica del servizio idrico.
In questo scontro, tutt’altro che ideologico, non si tiene conto dei costi di un’operazione che comporterebbe cifre non indifferenti a carico della collettività.
A tal proposito invitiamo il commissario a mantenere e utilizzare i dirigenti e il funzionario interni che hanno consentito di realizzare  notevoli economie di scala e di costi, affidandosi a chi conosce bene la materia.
Nello stesso tempo auspichiamo che il prossimo CDA possa essere composto da componenti di alto profilo estranei alle logiche di piccolo cabotaggio.
Un CDA che non sia rigorosamente lottizzato e asservito a logiche di potere.
In questa direzione invitiamo i sindaci a ispirarsi a comportamenti di grande responsabilità perché nel rispetto delle loro prerogative non compromettano le opportunità che consentono di programmare al meglio una dote di 100 milioni a vantaggio di un servizio sempre più puntuale nei confronti dei cittadini utenti  e per creare condizioni di maggiore garanzia per i lavoratori ancora fortemente sotto inquadrati che comunque comunque assicurano il servizio nonostante le notevoli problematiche dello star top .
In attesa di segnali incoraggianti soprattutto di parte di quei sindaci che hanno creduto in Aica con l’anticipo delle quote affinché si possa registrare, auspichiamo che si manifesti un sussulto di dignità a beneficio della causa dell’acqua pubblica”.

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.