Arciconfraternita “Maria SS. dei Sette Dolori”: da 335 anni a servizio della comunità agrigentina

0
269
La statua dell'Addolorata davanti l'omonimo Santuario di Agrigento

È stata celebrata, Venerdì 26 marzo, al Santuario dell’Addolorata di Agrigento la S. Messa in ricordo del del 335° anniversario di Fondazione dell’Arciconfraternita “Maria SS. dei Sette Dolori”, costituitasi nel lontano 26 marzo 1686, grazie al contributo di alcuni fedeli devoti alla Vergine Addolorata ed al Vescovo dell’epoca, mons. Francesco Maria Rhini.  Durante l’omelia – alla presenza di una rappresentanza  confrati, consorelle e devoti, nel rispetto delle norme imposte dall’emergenza sanitaria in corso – il Rettore del Santuario e Direttore Spirituale dell’Arciconfraternita, don Lillo Maria Argento, ha voluto sottolineare l’attualità del carisma confraternale motivando, i fedeli presenti, a viverlo ogni giorno “con spirito rinnovato” nella complessità del tempo presente che richiede sempre più un’adesione convinta e fedele alla “chiamata” ad un’intima comunione di vita, ideali, pensieri e opere con Maria Addolorata”. “Il Saio nero – ha aggiunto – con  ornamento di seta blu e cingolo di egual colore, nonostante il passare dei secoli e l’alternarsi delle generazioni, continua ad essere il segno di una fede salda, di una devozione potente e duratura, di un costante servizio ai fratelli e alla comunità. Nella drammatica esperienza che il mondo sta attraversando, Maria, donna che vive il dolore iuxta crucem, si mostra a noi quale Madre di speranza, addolorata ma mai disperata, che comunica una capacità sempre nuova di attesa del futuro di Dio e di abbandono alle promesse del Signore”.

L’ Arciconfraternita Maria SS. dei Sette Dolori (immagine di repertorio)

Il Rettore ha infine ricordato che quest’anno l’Arciconfraternita, da sempre impegnata nell’organizzazione dei riti della Settimana Santa Agrigentina, nel rispetto delle norme in tempo di pandemia, è lieta di invitare quanti volessero partecipare, alle iniziative di preghiera e meditazione che si svolgeranno presso il Santuario durante la Settimana Santa: Giovedì 1 Aprile alle ore 20.00 “Con Maria in preghiera al Getsemani” (Orario di Apertura Santuario dalle ore 17.00 alle ore 21.30); Venerdì 2 Aprile alle ore 17.30 “Meditazione ai piedi della croce” (Orario di Apertura Santuario dalle ore9.00 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 21.30); Sabato 3 Aprile alle ore 17.30 “Ora della Desolata” (Orario di Apertura Santuario dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 21.30); Domenica 4 Aprile alle ore 12.00 “S. Messa di Pasqua”.

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.