Amministrative: mons. Damiano, “anteporre bene comune, solidarietà e sussidiarietà a interessi personali”

0
246

Il 31 maggio, 2023, l’Arcivescovo di Agrigento, mons. Alessandro Damiano, ha indirizzato un messaggio augurale ai sindaci e consiglieri neoeletti alla guida dei Comuni dell’Arcidiocesi e provincia di Agrigento.

“Gentilissimi Sindaci e Consiglieri neoeletti alla guida dei Comuni della nostra diocesi e provincia, nellaugurarvi il classico “buon lavoro”, desidero attingere a due fonti diverse: dalla psicologia e dallinsegnamento sociale della Chiesa cattolica. Michael Tomasello, psicologo e attuale condirettore del Max Planck Institut per lAntropologia evolutiva di Lipsia, afferma che gli esseri umani possiedono un «sofisticatissimo pensiero relazionale». Luomo, ossia, si differenzia dagli animali non solo per la sua tecnologia, ma soprattutto e anzitutto per la sua singolare capacità di relazionarsi. Il bene del mio prossimo è il mio e viceversa. Linsegnamento sociale della Chiesa lo denomina bene comune”. Non il bene del singolo io” o del singolo tu”, ma il bene di tutti e di ciascuno. Il bene comune, fondato e radicato sulla dignità inalienabile di ogni persona, si attua principalmente attraverso due principi” che la Chiesa ritiene basici” della convivenza sociale, civile e politica: la solidarietà e la sussidiarietà. La solidarietà sociale tutti sappiamo cos’è, grazie al concetto di welfare. Ma la sussidiarietà cos’è? Il Compendio della Dottrina sociale della Chiesa scrive che la sussidiarietà «protegge le persone dagli abusi delle istanze sociali superiori e sollecita queste ultime ad aiutare i singoli individui e i corpi (sociali) intermedi a sviluppare i loro compiti. Questo principio si impone perché ogni persona, famiglia e corpo intermedio ha qualcosa di originale da offrire alla comunità» (n. 187). La mia non vuole per nulla essere una ricetta”, ma solamente un pensiero” che, da vescovo e da cittadino, desidero condividere con voi. Crisi economica, tempo post-pandemico e guerre diverse ci attanagliano, ma forse ancora oggi anteponendo la dignità inalienabile e intoccabile di ogni persona, il bene comune, la solidarietà e la sussidiarietà a interessi personali possiamo sperare davvero in un mondo migliore”. Possiamo costruire quotidianamente tanti piccoli ponti di pace”, che insieme fanno e sono la pace!

Buon lavoro!

31 maggio 2023

Visitazione della Beata Vergine Maria

+ Alessandro

                                                                         Arcivescovo

 

 

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.