Lettera aperta, parr. “S.Gregorio”(Cannatello) su chiusura farmacia: “ci sentiamo disorientati”

0
1799
Parrocchia "San Gregorio" di Agrigento (da pagina Fb)

Pubblichiamo il  testo integrale della Lettera aperta sulla chiusura della Farmacia S. Gregorio in via Cavaleri Magazzeni – Agrigento a firma del parroco, don Nino Gulli,  e della comunità parrocchiale “San Gregorio”

___ Testo della Lettera aperta ___________________

Premettiamo che non conosciamo le motivazioni che hanno portato alla chiusura della farmacia e non abbiamo le competenze per conoscere i termini della questione ne tantomeno sappiamo di chi è la responsabilità di tale chiusura. Ci limitiamo solamente a raccogliere il senso di smarrimento di un intero quartiere che vive nella zona.

don Nino Gulli

Ci sono voluti tanti anni, prima di avere una farmacia nel quartiere. Eppure questo è un quartiere densamente popolato nel periodo invernale e ancor di più nel periodo estivo.

La presenza, finalmente, di una farmacia aveva dato a tanti la possibilità di servirsi senza dover raggiungere la zona altamente trafficata di viale Leonardo Sciascia o ancor peggio altre zone della Città.

La farmacia, anche a motivo del luogo in cui si trova, e disponendo di un ampio parcheggio, in poco tempo è diventata punto di riferimento di un intero quartiere.

Oggi ci sentiamo disorientati. Avere appreso che da un giorno all’altro la farmacia è stata chiusa, ci lascia un senso di preoccupazione e di abbandono.

Ripeto, non conosciamo le motivazioni, ma la nostra preoccupazione risiede nel fatto che abbiamo paura che ci si perda dietro lungaggini burocratiche che avranno un solo risultato: la mancanza di una farmacia in questo quartiere.

Cosa auspichiamo?

Che le forze in campo, Prefetto, Sindaco, Asp di Agrigento, Assessorato alla sanità e i titolari della farmacia trovino in tempi brevissimi una soluzione affinché questo quartiere torni ad avere la sua farmacia.

Chi vive in questo quartiere, come tutti i cittadini, ha diritto ad avere una farmacia vicino casa.

Chiediamo a tutti di non essere abbandonati, chiediamo risposte e abbiamo il diritto di averle in tempi brevi.

Sia chiaro a tutti, non conoscendo i termini della questione, non sosteniamo le ragioni di nessuno. Ci spinge solo una priorità: Questo quartiere abbia la sua farmacia.

Il Parroco e la comunità

 

 

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.