Canicattì: è ritornato alla casa del Padre il can. Antonio Vinci

il can Antonino Vinci (foto di Luigi Cimino)

Domenica 18 dicembre 2022, a Canicattì – dove era nato il 23 dicembre del 1937 – è ritornato alla Casa del Padre don Antonio Vinci.

Dopo le esperienze lavorative a Gela, Biella e Torino, città nella quale matura la sua vocazione e nella quale ha compiuto gli studi teologici accolto dall’arcivescovo, card. Michele Pellegrino è stato ordinato diacono nella diocesi di Pistoia il 27 giugno del 1982 e presbitero, il 20 novembre del 1983, da mons. Nicola Agnozzi in Ariano Irpinio-Lacedonia(Av) dove ha prestato i primi anni del suo ministero presbiterale a servizio della parrocchia Cattedrale della quale era anche membro del capitolo dei canonici.

Il 14 giugno del 1990 chiede e ottiene il Nulla Osta di escardinazione ed il 13 dicembre dello stesso anno è incardinato nel clero della diocesi di Agrigento,  facendo ritorno a Canicattì dove ha trascorso il suo ministero presbiterale come vicario parrocchiale di Sant’Eduardo e San Biagio e a servizio della comunità ecclesiale tutta e in particolare della Chiesa madre durante il ministero di mons. Vincenzo Restivo. Un presbitero senza pretese e vicino alla gente, fratello e amico di tutti. A non pochi ha fatto sentire l’afflato della sua attenzione e della sua carità! Per tutti aveva un sorriso e una parola di conforto. Insieme alla Chiesa agrigentina lo affidiamo alle preghiere di tutti e all’amore misericordioso di Dio ed esprimiamo le sincere condoglianze ai familiari.

  • La celebrazione eucaristica con il rito delle esequie avrà luogo nella Chiesa Madre di Canicattì lunedì 19 dicembre, alle ore 16.00.

 

 

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.