Don Riccardo nominato vicerettore del Pontificio Collegio Urbano “De Propaganda Fide” (Roma)

0
3502
don Riccardo Scorsone

Venerdì 9 giugno 2023, al termine del ritiro diocesano del clero, nella cappella del Seminario Arcivescovile di Agrigento, l’Arcivescovo Alessandro, ha reso noto che, dal primo settembre, don Riccardo Scorsone lascerà la missione diocesana in Albania per svolgere il servizio di vicerettore presso il Seminario missionario di “Propaganda Fide” a Roma, mentre don Angelo Porrello, completando i suoi studi specialistici a Roma, partirà per la volta dell’Albania. La notizia del nuovo incarico di don Riccardo Scorsone,  ai cristiani delle comunità di Korçe e Bilisht (Albania) è stata comunicata, nel tardo pomeriggio di Domenica 11 giugno, dal Vicario generale, don Giuseppe Cumbo, alla presenza di Mons. Giovanni Peragine, Amministratore apostolico dell’Albania meridionale e dell’ équipe dei missionari agrigentini. 

«Dopo tanti anni di presenza in Albania – dice don Riccardo – prima per brevi esperienze, poi per l’anno di diaconato e, infine, negli ultimi due anni, come missionario fidei donum nella nostra missione diocesana, la Chiesa universale mi chiama a Roma per un altro servizio missionario, seppure diverso da quello vissuto finora. Il Dicastero per l’evangelizzazione (sezione “per la prima evangelizzazione e le nuove Chiese particolari”), nella persona del Card. Tagle, mi affida il servizio di vicerettore presso il Pontificio Collegio Urbano “De Propaganda Fide”, il Seminario missionario del Dicastero, il cui scopo è quello di preparare i futuri sacerdoti provenienti da territori di missione. Si tratta di un servizio bello e arricchente che mi vedrà impegnato ad accompagnare ragazzi di culture ed esperienze ecclesiali diverse che si incontrano, sotto la guida premurosa del Successore di Pietro, nel comune desiderio di rispondere alla chiamata d’amore che il Signore Gesù ha rivolto un giorno a ciascuno di loro. Ad oggi, il Collegio conta 155 seminaristi, provenienti da 35 nazioni e 120 diocesi. Ancora una volta – conclude don Riccardo – non posso che affidarmi al ricordo e alle preghiere della Chiesa agrigentina che mi ha generato alla fede, al sacerdozio e alla missione, nella speranza di essere sempre più strumento docile e semplice nelle mani di Dio».

don Angelo Porrello

«Da quando il Vescovo mi ha chiesto la disponibilità di svolgere il ministero come fidei donum presso l’Amministrazione Apostolica del Sud Albania – dice don Angelo Porrello  – il mio cuore è un groviglio di emozioni, su tutte prevale la gioia.  Sto per concludere la licenza in Teologia morale presso la scuola di Sant’Alfonso che essenzialmente fu un missionario, dove ciò che lo ha sempre caratterizzato è stato l’annuncio della Parola di Dio agli ultimi e gli emarginati. Certamente posseggo una sana preoccupazione per la responsabilità che mi viene affidata, ma confido nella certezza dell’amore di Dio per me e per ciascuno. Lo Spirito Santo, che è il “paraclito”, possa sostenere i nostri passi in missione e la Madonna, donna dell’Eccomi, mi aiuti a lasciarmi istruire e guidare dall’azione fedele di Dio per accogliere la Parola e testimoniarla con la nostra vita. “Tutto il bene consiste nell’amor Iddio e l’amore Dio consiste nel far la sua volontà” (Sant’Alfonso Maria de Liguori)»

 

 

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.