GIF2025: Lucca Sicula, Villafranca e Burgio pronte ad accogliere i giovani agrigentini

0
1558

A Lucca Sicula, Burgio e Villafranca il 1° maggio 2024 sarà Giovaninfesta (GIF)! Le comunità ecclesiali e civili dei tre comuni sono pronte ad accogliere i giovani agrigentini provenienti dalle parrocchie dei 43 comuni della Provincia e Arcidiocesi di Agrigento per l’edizione 2024 che quest’anno si terrà in una forma itinerante sul tema “Ti ci devo portare. Il mio posto in questa storia”.

Si inizia, alle 9;30 con l’accoglienza e la preghiera in piazza Vittorio Emanuele a Lucca Sicula; a seguire il cammino, poco meno di 2 km, verso Villafranca Sicula, dove alle 12;00 in piazza Giovanni Paolo II si terrà la Celebrazione Eucaristica; a seguire il pranzo e l’animazione pomeridiana, per poi ripartire verso la vicina Burgio, dove fino alle 18;00, i giovani saranno impegnati nei laboratori al termine dei quali, in piazza Umberto I, si terrà lo spettacolo musicale del cantante di Amici Cricca e il momento conclusivo con la tradizionale consegna della “Croce dei giovani”, al comune che nel 2025 ospiterà il Giovaninfesta. È la stessa che da 31 anni, passa da una comunità all’altra da quando, il 9 maggio 1993, venne consegnata da San Giovanni Paolo II agli oltre 18 mila giovani agrigentini e siciliani durante l’incontro allo stadio “Esseneto”.

Il nostro settimanale ha incontrato  i parroci delle rispettive comunità e ha chiesto loro di raccontarci come si stanno preparando all’evento.

  • “Anche se vicine le nostre realtà sono ben distinte – ci dicono don Davide La Corte e don Salvatore Ingoglia dell’Unità Pastorale di Burgio e Villafranca Sicula -, ognuno ha la sua identità, la sua storia e la sua cultura. Queste caratteristiche sono state messe insieme per diventare l’anima del Giovaninfesta 2024. In preparazione all’evento si è formata una squadra composta da rappresentanti di ogni singolo comune e, grazie al coordinamento dell’équipe diocesana del Centro per l’Evangelizzazione, le diversità e quelli che potevano sembrare ostacoli sono diventati ingredienti di arricchimento e stimolo per una perfetta collaborazione. C’è grande attesa per il 1° maggio. I ragazzi – continuano don Davide e don Salvatore – hanno preparato tutto con grande passione per fare festa insieme ai giovani che arriveranno. L’entusiasmo che si è acceso il 1° maggio del 2023 a Campobello di Licata con l’annuncio e la consegna della “Croce dei Giovani”  si è trasformato in questi mesi di preparazione in gioia e voglia di vivere insieme questo evento singolare in cammino, come i discepoli di Emmaus; un cammino che ci porterà a meditare la Parola di Dio, a riconoscere il Signore Risorto nella frazione del pane con la Celebrazione eucaristica che si terrà a Villafranca Sicula ed infine, a vedere nei laboratori che si terranno a Burgio le potenzialità che si nascondo in ogni persona e come si può tradurre in vita quanto ricevuto dall’incontro con la Parola di Dio e dalla Eucaristia.
Il passaggio della Croce Croce alle comunità di Villafranca, Burgio e Lucca Sicula che ospiteranno il GIF2024.

Si respira – proseguono –  un clima di attesa gioiosa, tutti impegnati a dare il proprio contributo, dai canti per la celebrazione eucaristica, alla liturgia di accoglienza da chi sta preparando l’animazione pomeridiana a chi si sta impegnando a mostrare, attraverso i laboratori, l’arte del vivere producendo qualcosa di unico. C’è il desiderio di comunicare gioia attraverso i doni che si hanno, c’è la voglia e l’orgoglio di mostrare quanto di bello e di buono abbiamo nei nostri paesi, anche quelli piccoli, ma che hanno una ricchezza incredibile nata da chi ha sempre amato la propria terra e portata avanti dalle qualità di persone per bene che hanno creduto nei propri sogni, nelle proprie idee e nelle proprie capacità. Insomma, siamo lieti di potere accogliere e accompagnare l’invito della Chiesa agrigentina espresso nel tema “Ti ci devo portare” e mostrare le ricchezze che le nostre comunità offrono e i carismi di chi li custodisce».

«Il tema scelto per questo Giovaninfesta – dice don Gaspare Sutera, parroco di Lucca Sicula – per noi è stata la marcia di un cammino “itinerante” in cui abbiamo avanzato in questi mesi di preparazione che si completerà il primo maggio per lasciare il segno indelebile della gioia. Nella nostra comunità Lucchese il grande impatto che darà questo grande giorno di festa sarà la grande comunione e collaborazione tra i giovani e la comunità Ecclesiale. Con amore, impegno e coraggio ciascuno di noi sta dando il meglio di se. Questo grande evento sarà un’esplosione di emozioni con un “contorno” di amici, sorrisi e servizio. Una grande festa in un piccolo paese: solo allegria e in futuro tanti ricordi di un passato da rivisitare».

Carmelo Petrone (cfr. “L’Amico del Popolo” n.15/2024)

 

Fotogallery con alcuni momenti che hanno segnato la preparazione al Giovaninfesta 2024

Correlati:

donazioni

Sostieni L'Amico del popolo

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare L'Amico del Popolo a crescere con una micro donazione.